Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in La degustazione

E se Camporeale, piccolo comune del palermitano, volesse avere una Doc?

Ce ne sono tante, è vero, ora c'è pure la Doc Sicilia. Ma la forza delle denominazioni sta anche nei microterritori e forse Camporeale potrebbe ambire a un traguardo che si potrebbe rivelare un inaspettato volano. C'è un gruppo di produttori che sta facendo venir fuori vini buoni.

Il territorio c'è, inutile negarlo, e c'è anche una discreta coesione. Ed allora perchè non provarci? Magari senza ricorrere a disciplinari lunghi e pletorici a lenzuolate che sembrano solo elenchi di vitigni. Vedrei una Doc con uno al massimo due vitigni, i più autoctoni possibili. Perchè se è vero che il Syrah da queste parti viene bene, è anche vero che questo vitigno viaggia e si diffonde nei mercati con brand ormai consolidati che non hanno bisogno di Doc. Mentre Nero d'Avola e Catarratto, per esempio, no.

La proposta è lanciata e chi vuol dire qualcosa la dica o si faccia avanti. Intanto raccontiamo con estremo piacere una degustazione di nove Nero d'Avola, tanto per restare in tema, organizzata per Camporeale Day, una manifestazione al primo anno di vita che speriamo possa continuare perché è stata una bella vetrina di eccellenze e di protagonisti del territorio di questo piccolo comune.

La degustazione è stata condotta da Luigi Salvo, responsabile Ais di Palermo. Nove vini, otto cantine, qui di seguito il nostro racconto. E accanto all'annata tra parentesi troverete il periodo di bevibilità del vino narrato, piccola indicazione sull'eventuale longevità.

Diletto 2013 Fattorie Azzolino (2014/2015)
Un vino un po' fuori dal comune. È un Nero d'Avola vinificato in bianco. Leggero ramato, quasi un rosa sfumato. Frutta matura, mela cotta, fragolina. Un po' corto al naso. Salmastro in bocca, alloro e coda tannica. Luigi Salvo dice che non è facilissimo da abbinare, purtuttavia...Tagliata di tonno alle erbe. 

Nero d'Avola 2013 Candido (2014/2016)
Rosso rubino con sfumature porporine. Un colore che ci annuncia una spalla acida. Al palato amarena e pepe nero. Vino piacevole, da bere subito.  Risotto con salsiccia.

Campo Reale 2013 Rapitalà (2014/2016)
Rosso rubino, naso di frutti a bacca rossa, fragola, marasca, violetta. Fresco, beva semplice. Sapido, discreta persistenza. Tagliatelle ai funghi. 

Nero d'Avola Feudo di Montagnola 2012 (2014/2016)
Rosso rubino scuro, naso speziato, fragoline, leggerissime note muschiate. In bocca discreta vena acida. Buona freschezza, discreta lunghezza. Carpaccio di carne.

Donnatà 2012 Alessandro di Camporeale (2014/2018)
Rosso rubino intenso. Amarena, note speziate dolci, cappero, cannella. Rotondo, gioca tra corpo ed eleganza, trama tannica piacevole. Solare. Buona persistenza. Filetto in crosta.

Ishac Porta del Vento 2012 (2014/2018)
Rosso rubino. Naso profondo, terroso. Muschio e note sfumate di salvia ed erbe aromatiche, grafite. In bocca scalpitante, retrogusto di alloro, lungo. Spezzatino di carne con patate.

Nero d'Avola 2012 Sallier de la Tour (2014/2017)
Rosso rubino, naso gessoso, viola, frutti di bosco. Ampio, rotondo, morbido. Buona persistenza. Cotoletta alla milanese.

Don Sasà 2011 Terre di Gratia. (2014/2016)
Rosso rubino, un po' chiuso al naso. Poi marasca, ciliegie. Sentori di salvia. Discreta vena acida al palato. Retrogusto di terra bagnata. Polpette al sugo.

Notturno 2011 Fattorie Azzolino (2014/2017)
Rosso rubino un po' intenso. Naso sottile e vivace, amarena, spezie, sentori di cannella. Ampio al palato, coda dolce. Salsiccia ai ferri.

F. C.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Michele Rizzo

Agorà ristorante di pesce

Rende (Cs)

1) Capesante alla piastra, broccoli e pomodorini

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search