Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in La novità il 18 Novembre2015


(Alessandra Gennaro)

di Fabiola Pulieri

Nato da un'idea di Alessandra Gennaro e Patrizia Malomo, patrocinato, sviluppato e condiviso dai soci dell'associazione italiana food blogger, debutterà a gennaio 2016 il “Calendario del cibo italiano”.

“È la risposta nazionale al National Food Calendar statunitense e alle diverse giornate nazionali o internazionali dedicate ad un piatto o ad un prodotto tipico dei vari Paesi del mondo – dice Alessandra Gennaro -.Si propone di diffondere la cultura e la tradizione gastronomica dell'Italia, attraverso l'istituzione di un calendario in cui si celebrano in 365 giornate (366 nel 2016 che è bisestile, ndr) e 52 settimane, i nostri piatti e i prodotti tipici, scelti sulla base della loro diffusione e dei loro legami con la cultura popolare e organizzati sulla base delle stagioni e delle ricorrenze liturgiche o istituzionali. Ciascuna delle 52 settimane è dedicata all'approfondimento di un tema scelto fra quelli che hanno maggiormente influito sulla storia della gastronomia italiana, così da delinearne in modo preciso la sua fisionomia. Ciascun giorno dell'anno è dedicato alla celebrazione di uno dei piatti o prodotti tipici che ne hanno decretato la fama”.

L'obiettivo è quello di dar vita ad una vera e propria festa del cibo italiano, in modo corale e costante, nell'ottica di un riscatto della tradizione, delle eccellenze del territorio, della storicità delle testimonianze umane e della tutela delle tecniche tramandate di generazione in generazione, nella consapevolezza che anche la cucina italiana è un patrimonio culturale, le cui ricchezze vanno quindi tutelate e preservate in primo luogo da chi a questa cultura appartiene per origine e per nascita.
Il Calendario Italiano del cibo è un nuovo esempio di formazione gratuita alla quale i soci possono accedere da casa, attraverso il sito dell'Aifb e che gli consente di crescere nella divulgazione della cultura del cibo attraverso il proprio blog, coinvolgendo quindi i propri lettori in questa consapevolezza e crescita.

Nel mondo anglosassone il calendario del cibo è una realtà presente da molto tempo, ma ciò che  rende unici noi italiani è l’enorme patrimonio enogastronomico al quale attingere: un piatto racconta un prodotto, che racconta un territorio, che racconta la storia ed insieme raccontano anche una tecnica.
“Il fine che ci proponiamo è quello di recuperare i grandi piatti della nostra tradizione, le eccellenze del nostro territorio, i nodi cruciali della nostra storia, i momenti fondanti, i personaggi più emblematicamente legati al cibo, per tornare a celebrare il nostro cibo, in una festa globale che vorremmo coinvolgesse tutti coloro che si riconoscono in questa operazione di recupero delle nostre radici e di definizione della nostra identità – continua Alessandra Gennaro -. Non dimentichiamoci che aver scelto di mettere da parte la nostra cultura gastronomica per inseguire modelli che non ci appartengono ha spianato la strada a quanti, a differenza nostra, avevano da sempre compreso il valore incommensurabile della nostra cucina: non a caso, il testimonial più noto della cucina italiana nel mondo è un inglese, Jamie Oliver,che è stato capace di cogliere gli aspetti di maggiore appeal e di più facile comunicazione, appropriandosi di contenuti che culturalmente non gli appartengono ma di cui si è fatto interprete incisivo ed efficace”.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Luca Abbruzzino

Ristorante Abbruzzino

Catanzaro

3) Anatra, kumquat e semi di zucca

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search