Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in La polemica il 06 Novembre 2019
di C.d.G.


(Gianfranco Vissani)

"Per loro è un gioco, per noi no". Gianfranco Vissani ci fa giù pesante dopo aver saputo di aver perso una delle due stelle Michelin assegnate al suo ristorante "Casa Vissani" di Baschi (Terni).

"Ma a questo punto ce le potevano togliere entrambe, no? - dice al Corriere - La Michelin è una vergogna italiana, un discorso solo commerciale. Guardi, aveva ragione Gualtiero Marchesi: ma da chi siamo giudicati?". Il cuoco umbro, classe 1951, negli anni Novanta grande star della cucina nazionale — è stato il cuoco di riferimento di politici come Massimo D’Alema e uno dei primi chef ad andare in televisione. "Bisognerebbe chiedersi chi è in grado di giudicare un ristorante oggi. Io dico solo che il mio è pieno e funziona, mi basta questo - prosegue Vissani nella sua intervista rilasciata al Corriere - Non voglio confrontarmi con altri chef né essere giudicato da ispettori messi in piazza dai francesi".

"La guida Michelin è una guida di compromessi — ha poi aggiunto —. Loro questa operazione la fanno per pubblicità. La guida non è fatta per gli italiani ma solo per gli stranieri: russi, tedeschi... loro aprono sto libricino". Vissani è critico con i metodi di giudizio applicati dalla guida rossa e da tutte le guide gastronomiche. Ed è in disaccordo anche con l’assegnazione della terza stella conquistata da Enrico Bartolini al Mudec di Milano: "Io l’avrei data ad Antonio Guida del ristorante Seta, non a Bartolini. Ma è una tombola".

C.d.G.


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Antonio Zaccardi

Pashà Ristorante

Conversano (Ba)

3) Animelle, fagiolini e tartufo

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search