Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Contributors

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano

Roberto Chifari

Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco

Annalucia Galeone
Federica Genovese

Clarissa Iraci

Francesca Landolina

Federico Latteri
Irene Marcianò

Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi

Clara Minissale

Fiammetta Parodi

Geraldine Pedrotti

Stefania Petrotta

Michele Pizzillo

Fabiola Pulieri
Enzo Raneri

Mauro Ricci
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita

Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione
eventi
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in La provocazione il 19 Ottobre 2011
di Redazione

C’è un posto a Palermo, in pieno centro, dove fanno panini di tutti i tipi. Difficile che un palermitano non conosca questo posto. Difficile che non abbia mai preso un panino.

A pranzo, a cena, a tarda sera. Ma c’è un problema. Chi fa i panini dietro il bancone non mette i guanti, quelli sottilissimi e trasparenti, che garantiscono l’igiene. Per anni non ci ho fatto mai caso. Poi l’altra volta un’amica, un po’ maniaca della pulizia, me lo ha fatto notare. Il salmone che sarebbe servito per il mio panino è stato preso con pollice, indice e medio ed è finito tra due fette di pane. Senza scrupoli. Le mani erano pulite? Boh!

Il panino, confesso, l’ho mangiato. Ma la mia testa ha cominciato a rimuginare. Mani, mani pulite, guanti. Sarebbe stato meglio. Ci sono tornato l’altra volta. E ho rivisto la scena. Il mio dubbio è diventato un macigno. Anche perché a poca distanza da questo famoso locale, ce n’è un altro, aperto da non molto tempo, dove fanno panini anche buoni. E lì, incredibile, la persona che confeziona queste fette di pane con vari condimenti usa i guanti. Ne usa tantissimi perché intanto fa dell’altro dietro il bancone. Ma quando prende il pane, qualche istante prima prende un guanto, ci soffia dentro per aprirlo e lo indossa.

E così il pane e il condimento non hanno contatti diretti con le mani. Inutile dirlo, non voglio fare lo schizzinoso, né l’igienista da strapazzo. Però quel panino fatto con i guanti monouso mi ha rassicurato. Non voglio dire che il panino sia più buono. Però credo che l’igiene sia una cosa seria quando si parla di cibo e alimenti, di tutto ciò, insomma che ingeriamo. E non va trascurata, val bene il costo di guanti monouso.

Mi piacerebbe che anche questo famoso locale cominciasse a usare questa precauzione nel fare i panini. Sarebbe un bel gesto di attenzione verso i clienti. Ma non chiedetemi i nomi dei locali citati in questo articolo. Non ce n'è bisogno. Provate a farvi un giro.

F. C.


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Felice Sgarra

Casa Sgarra

Trani (Bt)

3) Melanzana con burrata d’andria e gelato al pomodoro

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search