Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in L'azienda
di C.d.G.

La raccolta delle olive è l’attività del frantoio Lo Re, presente nel territorio di Collesano.

A differenza della maggior parte dei frantoi della zona, che utilizzano la spremitura a caldo, qui i fratelli Gandolfo e Renato praticano la molitura a freddo, come si faceva una volta. Presente nel territorio di Collesano dal ’68 l’azienda Lo Re oggi è gestita dai due fratelli che l’hanno ereditata dal padre. Hanno voluto investire in questo tipo di attività, con l’acquisto di nuovi macchinari, per dare continuità a qualcosa del passato, quando la molitura avveniva con i frantoi in pietra per mantenere un legame con la natura che – come ci dice Renato – sentiamo in modo forte. Nei comuni frantoi, cosiddetti a impianto continuo, la molitura viene fatta a caldo e questo procedimento altera inevitabilmente la qualità dell’olio prodotto.

Renato ci spiega le varie fasi, da quando le olive vengono lavate e defogliate per passare poi alla macchina dove vengono macinate. La pasta che si forma passa poi in un'altra apparecchiatura dove riposa per circa mezz’ora. Quindi viene posta sui fiscoli, una sorta di stuoie con un buco al centro, oggi realizzati con nylon alimentare, una volta erano di corda, che vengono poi sistemati nelle presse. Qui avviene la spremitura vera e propria che, fatta lentamente e a freddo, da un lato evita la fuoriuscita della pasta di olive e dall’altro produce un olio che, venuto fuori in modo naturale per effetto della spremitura, non subisce alcuna alterazione. Nei frantoi con impianti continui per determinare la fuoriuscita dell’olio, viene utilizzata dell’acqua calda in modo che la parte liquida (l’olio), si separi dalla solida (nocciolo e buccia che hanno formato un impasto). La temperatura dell’acqua determina necessariamente una trasformazione del prodotto, l’olio non avrà allora quelle caratteristiche garantite dalla molitura a freddo in grado di offrire un olio più genuino e naturale.

Quello che resta dopo l’uscita dell’olio è la sansa, impasto formato dal nocciolo e dalla buccia che l’azienda lo Re impiega come concime o come combustibile. Dalla sansa si può estrarre altro olio che, anche se non di qualità, viene messo in commercio da diverse ditte. Succede però che alla sansa vengono aggiunti prodotti chimici, spesso dannosi per la salute. Il costo della molitura dai fratelli Lo Re è di circa 16 euro a quintale, più caro rispetto al prezzo praticato dai comuni frantoi pari a circa 12 euro al quintale), ma, come afferma Renato, "al costo maggiore corrisponde certo una migliore qualità del prodotto". L’azienda esporta olio in Italia soprattutto al nord, ma anche all’estero. Oltre all’olio la ditta produce anche agrumi e conserve di carciofi, melanzane, pomodoro, pomodorini di Pachino. Il tutto in modo biologico.

Aurora Rainieri


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

GLI APPUNTAMENTI

LE RICETTE DEGLI CHEF

Maurizio Albarello
Trattoria Antica Torre
Barbaresco (Cn)

Stefano Mazzone

Grand Hotel Quisisana

Capri (Na)

2) Tortelli di cipolle al burro di acciughe e pecorino

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search