Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in L'azienda il 27 Maggio2013

di Gianni Paternò

Ci sono persone con cui è un piacere scambiare quattro chiacchiere.

 Uno di questi è Francesco Spadafora il titolare dell’azienda vinicola Principi di Spadafora, e se anche lui non te lo dice è veramente un nobile per antico casato che risale addirittura al 1250. La natura l’ha privilegiato: alto, di bell’aspetto, snello, chioma fluente e specialmente una voce calda, suadente, che ti affascina. Una persona risoluta, consapevole della bontà di quello che produce, magari pronto a ribattere se quello che dici non lo convince o se lo critichi senza dati oggettivi.
 
L’abbiamo incontrato per farci raccontare la sua storia e in particolare per parlare dei suoi tre Nero d’Avola in purezza: Schietto, Alhambra e Nero d’Avola Rosato. Non potendo far sentire la sua voce vi facciamo leggere le sue parole, essenziali, dette senza fronzoli e inutile poesia ma con un tocco di sottile ironia.

Mi sono diplomato al liceo classico e ho cominciato a dare alcune materie in Giurisprudenza. Nonostante andassi abbastanza bene, mio padre decise che era l’ora che facessi il servizio militare, perché per lui il militare ti temprava e ti rendeva uomo, anzi che dovevo fare l’ufficiale. Mise a frutto qualche conoscenza e così diventai ufficiale dell’esercito. Ma il servizio mi temprò a tal punto che quando mi congedai gli dissi che non intendevo più continuare a studiare. Non fece una piega e per tutta risposta mi mandò ad occuparmi di una nostra proprietà a Mussomeli. Terra lambita da un corso d’acqua chiamato Salito, tanto è impregnata di sali e di gessi e dove avevamo seminativi e bestiame. Quindi praticamente ero l’impiegato di famiglia,  undici mesi di lavoro e uno di ferie in estate.
 
La svolta nel 1988 in quanto muore mio padre e così a 30 anni mi ritrovo a dover condurre anche i 180 ettari a Virzì nel vasto territorio di Monreale, ma praticamente a pochi km da Camporeale. Fino ad allora avevamo una vecchia cantina e facevamo il vino come si faceva una volta in Sicilia: uve spremute e vinificazione a temperatura ambiente, quindi a caldo, una robaccia insomma. Addirittura negli ultimi anni vendevamo tutte le uve e recuperavamo solo le spese. Pertanto chiesi a mio fratello: o vendiamo o trasformiamo. Lui, che era bisticciato con l’agricoltura,  mi diede carta bianca e così nacque la moderna azienda Principi di Spadafora.
 

Ho trasformato e modernizzato la cantina e dove c’era solamente  Cataratto e Inzolia ho piantato Grillo e Chardonnay, Cabernet Sauvignon, Merlot, Syrah e tanto Nero d’Avola, che ancora continuo a piantare. Oltre nei tre citati monovitigni il Nero d’Avola lo troviamo in uvaggio nel Don Pietro, che porta il nome di mio padre essendo il primo vino imbottigliato. Terreni a medio impasto sabbioso posti a quote tra i 200 e i 300 metri, vigneti a spalliera e potatura Guyot per oltre 90 ettari.

Il Nero d’Avola delle nostre zone è completamente diverso da quello che si può trovare per esempio a Noto e nell’agrigentino, più sensazioni vegetali che accompagnano i frutti rossi.

Lo Schietto è un po’ la nostra riserva, grappoli scelti uno ad uno selezionando le viti nelle vigne rivolte più a sud. Fa secondo le annate una macerazione fino a 18 giorni ad una temperatura compresa tra i 18 e i 25 gradi con una resa di soli 40 hl/ ha e affina per almeno un anno in botti grandi quindi per due anni in acciaio ed infine un altro anno in 12.000 bottiglie.

L’Alhambra rosso è raccolto prima, ha una macerazione di circa 8 giorni e termina la fermentazione senza le bucce, sempre a temperatura controllata; resa di 75 hl/ ha, affina quasi due anni nelle vasche di cemento vetrificate e refrigerate e 6 mesi in bottiglia. A proposito, Wine Spectator proprio in questi giorni, in una selezione di vini del sud Italia venduti al di sotto dei 20 $, gli ha attribuito il punteggio di 89/100 e la palma di miglior vino per rapporto qualità/prezzo.
E’ in nostro Nero d’Avola entry level, da wine bar, di cui si fanno 50.000 bottiglie.

Il Rosato è il Nero d’Avola che è vendemmiato per primo, il 2012 è la seconda annata, le uve sono pressate direttamente e le bucce separate, così la fermentazione, spontanea, è di solo mosto, quindi è vinificato come un bianco con una resa di 80 hl/ha. 5 mesi in acciaio e 2 in bottiglie che sono 7.000.”

 
Fin qui il racconto del produttore. Ora in sua assenza, assaggiamo le tre versioni.
 
Cominciamo dal Rosato dal colore rosa tenue molto brillante. Al naso è un tripudio di frutta da quella rossa all’esotica, dai fiori di rosa ai sentori vegetali di erba fresca e di fieno. Profumato con una presenza minerale che si avverte e lo equilibra. Al palato è morbido, sapido, con un’acidità controllata ed una perfetta stupefacente corrispondenza tra naso e gola.
 
L’Alhambra, colore rubino chiaro, al naso si esprime con una commistione di frutti di bosco e di erbe di prato con prevalenza di salvia. Non è molto intenso ma affascina per la sua diversità. In bocca tannini presenti ma ammansiti, buona acidità, medio corpo e buona persistenza. Un vino da bere tutti i giorni, senza pretese ma che dà belle sensazioni.
 
Lo Schietto è rosso rubino con intensi riflessi viola. All’olfatto si presenta più complesso, con maggior presenza di ciliegie ed amarene, un po’ di cioccolato, erba più secca, da campi estivi e fieno in fiore. Al palato entra morbido  con tannini che si sono ulteriormente addolciti e una discreta acidità che carezza la lingua; un lungo retrogusto piacevolmente e tenuamente amarognolo. Un vino vivace ed austero.

Tre espressionidello stesso vitigno nella stesa zona, diverse ma con un denominatore comune: le note vegetali che li distinguono e li completano. Quale c’è piaciuto maggiormente?
Pensandoci bene il Rosato, anche perché è una tipologia che ci affascina particolarmente, che è la perfetta fusione tra i toni caldi di un rosso e la freschezza profumata di un bianco, che Francesco è riuscito già ad ottenere in eccellente fattura e che nell’estate che si avvicina potrà degnamente sostituire anche un rosso accompagnando piatti non pretenziosi.

Concludiamo consigliandovi di consultare il sito web, ricco di storia dell’azienda e di informazioni, anche in russo, e dove potrete  sentire la calda voce di Francesco.
 
Azienda Agricola Spadafora
Contrada Virzì
90046 Monreale (Pa)
tel. 091 6703322
www.spadafora.com

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Luca Lacalamita

Lula pane e dessert

Trani (Bt)

1) Tartelletta di stagione

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search