Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in L'azienda
di Redazione

Se ami il vino italiano, sei in debito di gratitudine nei confronti di Angelo Gaja.

All'inizio degli anni '60, Angelo Gaja assunse la direzione della piccola cantina di famiglia a Barbaresco, in Piemonte, e la portò al successo mondiale.
La sua energia, il suo carisma, la sua ispirazione ed il suo intuito hanno guidato col tempo tutto il vino italiano verso un maggior livello di successo.
Certamente, nel corso degli ultimi cinquant’anni molte persone hanno contribuito alla spettacolare crescita italiana in termini di qualità e prestigio. Ci sono state storie di successo dalle Alpi innevate del nord, alle ondulate colline della Toscana sino alle isole assolate del Mediterraneo.
In particolare Piero Antinori è stato un leader. Ma la storia di Gaja è unica.
La sua famiglia non era abbiente; la sua cantina vendeva principalmente a livello locale; Barbaresco non era un nome conosciuto come poi sarebbe diventato. Ma Gaja studiò ed imparò, viaggiò ed assimilò, e comprese che il Barbaresco in particolare e l’Italia in generale avrebbero potuto produrre vini in grado di competere con i migliori al mondo.
Con una carriera dipanatasi per 50 anni, è riuscito a raggiungere questi importanti obiettivi.
In questo numero di WINE SPECTATOR annunciato nella copertina della rivista, sarà possibile seguire lo straordinario percorso di Angelo Gaja – dove vive, cosa ha realizzato e dove lui e la sua famiglia stanno andando.

Marvin R. Shanken

Editor and Publisher


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

GLI APPUNTAMENTI

LE RICETTE DEGLI CHEF

Maurizio Albarello
Trattoria Antica Torre
Barbaresco (Cn)

Stefano Mazzone

Grand Hotel Quisisana

Capri (Na)

2) Tortelli di cipolle al burro di acciughe e pecorino

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search