Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in L'evento il 30 Maggio 2018
di C.d.G.

di Aurora Pullara, Parma

E’ stato presentato oggi in Sala di Rappresentanza del Comune di Parma l’evento "City of Gastronomy Festival" in programma sabato 2 giugno e domenica 3 giugno nella città ducale.

Erano presenti, tra gli altri, Federico Pizzarotti sindaco del Comune di Parma, Cristiano Casa assessore al Turismo, Commercio e Progetto Unesco, Enrico Bergonzi presidente del Consorzio di Parma Quality Restaurant, Maurizio Dodi presidente dell’associazione Parma Taste of Future, Anita Ziliotti di Alma, Simona Caselli assessore all’agricoltura, caccia e pesca della Regione Emilia Romagna e tanti protagonisti della filiera agroalimentare della città. Si tratta di 48 ore in cui fare il giro del mondo tra sapori, saperi e cultura del cibo: per due giorni Parma sarà la Città della Gastronomia. La città emiliana lancia il primo Festival che vuole celebrare una lunga tradizione che ha portato l’Unesco a riconoscere alla petite capitale il titolo, prima in Italia, di Città creativa per la Gastronomia.

Con la regia dell’associazione Parma Taste of Future e il patrocinio del MiBact e del World Food Programme Italia, la creatività prende casa a Parma proprio nell’anno dedicato al cibo. Il festival è realizzato con il contributo di Comune di Parma, Fondazione Parma Unesco Creative City of Gastronomy, Fondazione Monte Parma, Fondazione Cariparma, Camera di Commercio e dell’Apt per conto della Regione Emilia-Romagna. “Oggi facciamo un altro passo importante per l’immagine che vogliamo dare di Parma nel mondo - ha detto il sindaco - Il modello Parma, preso da esempio a livello nazionale, è nato dalla costituzione di una rete tra pubblico e privato consolidatasi nel tempo e ha portato alla creazione di un sistema territoriale che ha l’obiettivo di promuovere le nostre eccellenze enogastronomiche nel mondo. Un modello di saper fare esportabile e vincente. Abbiamo l’intera rete delle filiere del gusto all’interno della cabina di regia che ci accompagnano in questa avventura. Portare Parma nel mondo e il mondo a Parma, ecco quello che intendiamo fare”.

“Il prossimo weekend arriva il secondo grande appuntamento all’interno della programmazione della cabina di regia - ha spiegato l’assessore al Commercio, Turismo e Progetto Unesco Cristiano Casa - Ospiti speciali saranno le Città Creative City of Gastronomy Unesco ambasciatrici del gusto, come Alba, e altri paesi stranieri ( Turchia, Spagna, Brasile, Norvegia). Un nuovo format che vede protagonista il cibo non solo come prodotto da gustare ma soprattutto come cultura, rappresentativo di una comunità”.  A presentare l’evento anche Maurizio Dodi, presidente dell’Associazione Parma Taste of Future, che ha evidenziato quanto lo slancio dato dalla cabina di regia e il riconoscimento come Città Creativa Unesco alla nostra città, abbia offerto un’opportunità unica per valorizzare e internazionalizzare i nostri prodotti portati nel mondo dai nostri chef del Consorzio Parma Quality Restaurants. A  loro sono affidati i fornelli di altrettanti ristoranti pop up che, a pranzo e cena, offriranno piatti gustosi.

Il Consorzio Parma Quality Restaurants, in collaborazione con Chic - Charming Italian Chef che firma la regia degli eventi culinari - si coordinerà con gli chef stranieri: “Sarà "contaminazione" la parola d’ordine nella creazioni dei piatti. Abbiamo chiesto agli chef stranieri di esprimersi liberamente e di raccontarci i loro sapori con un unico requisito, che nei loro piatti e nelle loro interpretazioni trovi posto un ingrediente parmense. Questa è anche la sfida del nostro consorzio: certificare la cucina italiana nel mondo. World Food Programme Italia ha sposato la nostra iniziative e parte del ricavato dei nostri piatti andrà devoluto a loro. Ci stiamo impegnando affinché tutti i ristoratori diventino protagonisti”, ha detto Enrico Bergonzi, presidente di Parma Quality Restaurants e chef di Al Vedel di Colorno.


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Gaetano Torrente

Al Convento

Cetara (Sa)

3) Baccalà in olio cottura su salsa puttanesca  e crumble di alici

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search