Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in L'evento
di Redazione

Dieci partecipanti hanno preparato il proprio dolce siciliano, grazie ai suggerimenti della gastronoma Maria Randazzo e del maestro Cappello dell’omonima pasticceria palermitana

«Al di là del procedimento pratico, ciò che ho voluto far risaltare è stato il percorso storico e culturale della cassata».

Lo spiega l’architetto gastronoma, Maria Randazzo, organizzatrice delle lezioni di pasticceria insieme al Maestro Salvatore Cappello, dell’omonima pasticceria di Palermo. Dopo l’uovo di Pasqua, infatti, lo scorso sei aprile, la cassata siciliana ha fatto tappa al laboratorio Cappello con la gustosa lezione “Facciamo la cassata”, incontro mensile del ciclo di appuntamenti gastronomici.
«Ho voluto dare spazio, ad esempio, all’etimologia della parola “cassata”, dall’arabo “qas'at” che significa “ciotola” e dal latino “caseum”, ovvero “formaggio”. - continua Maria Randazzo - Ma in arabo una stessa parola può avere più di un significato e “qas’at” vuol dire anche “risparmiare, essere modesti”. All’inizio, infatti, la cassata era un dolce molto semplice fatto con farina, pasta frolla e formaggio. Una vera contraddizione rispetto a quella che è oggi la cassata. Gli arabi, prima, e gli spagnoli, dopo, hanno introdotto gli ingredienti tipici del dolce siciliano: l’arancia, il mandarino, il pan di spagna. E fu, poi, un palermitano a dare i colori che la caratterizzano».

 Un incontro a base di ricotta, pan di spagna, frutta candita e glassa di zucchero, a cui ha partecipato un gruppo di dieci donne, dotate di passione e molta fantasia. Ognuna delle fortunate partecipanti, sotto la direzione del Maestro Cappello e di Maria Randazzo, ha dato un tocco di originalità alla propria cassata, utilizzando ingredienti diversi: dal pan di spagna alla pasta reale e a quella di mandorle. «Ognuna di loro – racconta Maria Randazzo – ha preparato con le proprie mani una personalissima cassata, scegliendo in base ai propri gusti anche la frutta con cui decorare il dolce. C’è chi ha utilizzato il cedro, chi la pera, l’arancia e chi i capelli d’angelo».

«A ciascuna cassata – conclude - è stato dato il nome dell’autrice che l’aveva preparata. Tutto, poi, è stato coronato su un tavolo, coreografato con alzatine di frutta candita e rami di zagara».

Federica Cortegiani

 


 


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

GLI APPUNTAMENTI

LE RICETTE DEGLI CHEF

Gabriele Boffa

Locanda del Sant'Uffizio Enrico Bartolini

Cioccaro di Penango (At)

1) Asparago, seirass e tuorlo al curry

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search