Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in L'iniziativa il 08 Settembre 2017
di C.d.G.

L'evento si è tenuto al Charleston di Mondello, la borgata marinara di Palermo

di Manuela Zanni

"Abitiamo il paradiso, ma non ci curiamo di saperlo". Con questa citazione di Fedor Dostoevskij si conclude il cortometraggio Terra Madre, prodotto dalla Fondazione Tommaso Dragotto, con la voce narrante di Giancarlo Giannini, la regia di Pucci Scafidi, testi e sceneggiatura di Lorenzo Matassa e musiche di Giuseppe Milici la cui proiezione è avvenuta nella terrazza del ristorante Charleston di Mondello, la borgata marinara di Palermo.

E a giudicare dalla vista possiamo affermare che lo scrittore russo aveva proprio ragione. L’occasione è stata offerta dalla serata dedicata all’arte e al cibo, evento che si inserisce nel calendario dei festeggiamenti per il 50esimo compleanno del Charleston che ha come obiettivo quello di celebrare l’Isola tramite le sue eccellenze. Il docufilm racconta una storia vera tratta dal libro fotografico di Dragotto "Sicily My Life" ed è un emozionante omaggio alle eccellenze agroalimentari e artistiche dell’isola. La voce di Giancarlo Giannini accompagna lo spettatore in questa toccante fuga, tra poesia e letteratura, svelando incantevoli scorci del territorio siciliano. Dalla Valle dei Templi alle saline di Mozia fino al parco archeologico di Segesta passando attraverso la scoperta di alcuni prodotti tipici del territorio tra cui il cappero di Salina, il pane nero di Castelvetrano e l’uva Zibibbo di Pantelleria. L’insieme di questi elementi rendono "Terra madre" un inno alla bellezza di un’isola indimenticabile.

Non a caso, dopo la proiezione del cortometraggio, seguito da un breve intermezzo musicale di Giuseppe Milici, l’armonicista jazz che ha collaborato alla colonna sonora del corto, è stata la volta dei presìdi Slow food grazie alla partnership con la Condotta Slow Food Palermo il cui fiduciario Mario Indovina si è detto “molto felice di prendere parte ad una serata il cui filo conduttore è la valorizzazione delle eccellenze di un territorio in cui  troppo spesso vengono dimenticate”. 

Alcuni presidi Slow Food sono stati sapientemente declinati all’interno dei piatti del menù proposto dal nuovo chef del ristorante, Santino Corso e dalla sua brigata di cucina come pane nero di tumminia “cunzato”, pane nero di Castelvetrano con cipolla di Giarratana, cubi di Vastedda del Belìce con conserva di tardivo di Ciaculli, crostini con alici marinate e pomodoro siccagno, sfincione  bagherese con caciocavallo, panini al pistacchio di Bronte con Mortadella Cinisara, solo per citarne alcuni. Durante la cena lo chef  ha anche preparato dal vivo alcuni piatti come una calamarata con crema di Fagiolo Badda e soutè di Cozze selvagge con Aglio di Nubia, Cipolle di Giarratana e Pistacchio di Bronte e una tartara di carne Cinisara con Capperi di Salina.

A chiudere in dolcezza pastine di gelo di melone. In abbinamento ai piatti sono stati proposti i vini della Cantina Cusumano. Citando Federico II di Svevia  è proprio il caso di dire "Non invidio a Dio il paradiso perché sono ben soddisfatto di vivere in Sicilia".


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Gennaro Esposito

Torre del Saracino

Vico Equense (Na)

4) Crema catalana al cedro e liquirizia, fonduta di provolone del Monaco e noci

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search