Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi

Andrea Camaschella

Marina V. Carrera

Sofia Catalano

Roberto Chifari

Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco

Annalucia Galeone

Federica Genovese

Clarissa Iraci

Francesca Landolina

Federico Latteri

Irene Marcianò

Bianca Mazzinghi

Alessandra Meldolesi

Clara Minissale

Fiammetta Parodi

Geraldine Pedrotti

Stefania Petrotta

Michele Pizzillo

Fabiola Pulieri

Enzo Raneri

Mauro Ricci

Emanuele Scarci

Marco Sciarrini

Sara Spanò

Giorgia Tabbita

Fosca Tortorelli

Maristella Vita

Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in L'iniziativa il 05 Luglio 2019
di C.d.G.

Primo ciclo di questa iniziativa dedicato ai vini dell'Etna. All'ultima serata presente anche Antonio Benanti, presidente del consorzio Etna Doc


(Luigi Salvo, Elisabetta Musso, Francesca Landolina, Federico Latteri, Marco Durastanti, Veronica Laguardia, Livia Ricevuto, Filippo Fiorito, Antonio Benanti) 

Dalla mente vulcanica di Marco Durastanti del ristorante - pizzeria Villa Costanza a Palermo, non poteva non nascere una rassegna dal titolo “Villa Costanza meets Etna”. Ed è così che, tra giugno e luglio, si sono susseguite quattro cene per esplorare di più i vini del vulcano, con la presenza di alcuni produttori. 

“Uno dei modi più efficaci per scoprire un territorio è assaggiarlo – afferma il titolare del ristorante Marco Durastanti – ed è per questo che abbiamo voluto avviare questo ciclo di cene dedicate ai vini etnei”. Le serate hanno visto sfilare grandi vini delle più rappresentative cantine etnee. Alle cene è stato sempre presente un produttore, dall’enologo Giulio Castorina di Masseria Setteporte, a Sofia Bosco di Tenute Bosco, da Gina Russo di Cantine Russo ad Antonio Benanti della cantina Benanti e presidente del Consorzio Etna Doc. E per i partecipanti, professionisti e addetti al settore, sommelier e giornalisti, è stata l’occasione per saperne di più, ma in un clima amichevole e leggero, come quello che abitualmente si respira a “casa” di Marco.

Attenti e ben curati i menù proposti e i piatti abbinati ai vini. Chi ben conosce il locale sa quale linea accompagna la cucina. Dopo aver applicato la filosofia Slow Food nel modello di ristorazione e dopo aver dato vita all’orto a Ciaculli – curato insieme all’associazione Coltiviamo Tradizioni – da cui ottenere gran parte delle verdure e degli aromi del menu, i fratelli Durastanti, Marco e Costanza, hanno dato prova del loro desiderio di sperimentare e innovare continuamente, fino a giungere alla produzione di due vini, un Grillo e un Nero d’Avola poi. Ma oltre a i loro vini, utilizzati per piccoli eventi, la cantina dà spazio alle eccellenze vinicole siciliane, e tra queste l’Etna non manca di certo.

Così alle cene, Marco ha conquistato i suoi commensali, esponendo le sue idee di cucina sostenibile ed etica, mettendo in chiaro il suo profondo desiderio di dar vita ad un luogo a Palermo che sia un vero fulcro di cultura gastronomica. “Non è facile – racconta – spiegare al cliente perché non ci sono certi piatti cult, che magari non sono di stagione. A volte non possiamo esaudire alcuni desideri, ma da parecchi anni ormai i clienti ci scelgono perché sanno che qui a tavola arriva solo ciò che è tracciabile, etico e di stagione. Lo stesso vale per i vini. Serate come queste hanno lo scopo di raccontare ciò in cui crediamo”. Le cene a tema territoriale riprenderanno di certo, forse ci sarà ancora con un po’ di Etna o ci saranno altri territori siciliani da raccontare e condividere, perché “in Sicilia – dice Marco – l’eccellenza è ovunque ci sia buon senso”.

C.d.G.


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Felice Sgarra

Casa Sgarra

Trani (Bt)

3) Melanzana con burrata d’andria e gelato al pomodoro

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search