Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in L'intervento
di Redazione


Riceviamo e pubblichiamo

Caro direttore
leggo il report relativo alle ultime novità che arrivano dalle ricerche dell'università di Milano e del poliedrico Attilio Scienza e commento.


Siamo arrivati ad Einstein, siamo ormai a un passo da Dio, presto verrà pubblicata una ricerca sull'ampelografia del paradiso terrestre, se Noè non si incazza prima.
A questi divertenti soloni che parlano di Etna e relatività, di globalizzazione e altre specifiche futilità in migliaia di metri, vorrei ricordare che proprio loro (mi smentiscano se ne sono capaci) sono quelli che consigliano di piantare Pinot Nero e Sauvignon Blanc sui fianchi del Vulcano. Globalizzazione relativa o curvatura dello spazio tempo? Come si diceva tempo addietro, mi sorge una domanda spontanea: ma dell'opinione di Attilio Scienza se ne potrà prima o poi fare a meno su qualche problema minore della viticoltutura, vedi ad esempio la dissenteria della tignola della vite? Si potrà creare una riserva della viticoltura, una zona franca nella quale si possa muoversi senza le sentenze eclatanti di questo disinteressato maestro della viticoltura buono per tutte le stagioni? Ricordo, in occasione del Vinitaly, qualche anno fa che alcuni merli parlanti sulle prime pagine di quotidiani a tiratura nazionale dicevano che ci avrebbero fatto comunicare con le viti attraverso i satelliti ( la lingua non era specificata, essendo oggetto di una successiva ricerca o del luogo di origine del ministro dell'agricoltura in uso). Complimenti, dopo i satelliti, spero che prima o poi arrivino con esperimenti di autosuggestione guidati dal mago Zurlì a fenomeni di autodiradamento spontaneo delle viti, sarebbe un bel risparmio.
Balle spaziali, invenzioni dell'acqua calda che sopportiamo da decenni, a partire dalla famosa zonazione della Val Tidone, poi ampiamente e inutilmente esportata in altri territori (non ditemi che non sapete dove e cosa è la Val Tidone?) per arrivare alle "uve preparate" , quali altri numeri da circo vedremo nel prossimo futuro? The show must go on, auguri a tutti noi, alla relatività e al violinista Albertino, cordiali e deferenti saluti a lei e ai suoi lettori.

Federico Curtaz


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

GLI APPUNTAMENTI

LE RICETTE DEGLI CHEF

Maurizio Albarello
Trattoria Antica Torre
Barbaresco (Cn)

Stefano Mazzone

Grand Hotel Quisisana

Capri (Na)

2) Tortelli di cipolle al burro di acciughe e pecorino

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search