Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in L'intervista il 04 Agosto2017

Il professore analizza la situazione attuale: "I produttori italiani comincino a raccogliere informazioni da questa prima esperienza di annata calda e asciutta. I vini italiani non saranno più gli stessi"

"Abituiamoci ad annate così calde. Questa è solo la prima. Altre ce ne saranno". 

Parole di Attilio Scienza, docente di Viticoltura all'università di Milano che analizza l'annata 2017, una delle più calde degli ultimi decenni. "Fare delle previsioni è un azzardo - spiega Scienza - perché l'Italia è lunga quindi ci sono tante situazioni diverse, ma di una cosa sono sicuro: questa non sarà l'ultima e unica annata calda e asciutta a cui assisteremo". Per Scienza, anzi, la vendemmia di quest'anno può servire da scuola per quelle che verranno: "I nostri produttori dovranno essere bravi a fare esperienza e tesoro di questa annata - dice - per iniziare a studiare un modo diverso di fare enologia in Italia". Quindi per Scienza è tempo di cambiare i modelli vitivinicoli a cui siamo abituati. "Basta assaggiare i vini prodotti negli anni '70 e negli anni '80 per capire quanto siano diversi rispetti a quelli che conosciamo oggi. Ecco - prosegue Scienza - adesso stiamo attraversando una fase storica di cambiamento del modo di fare il vino nel nostro paese".

Già, perchè Merlot e Cabernet, tra le specie più coltivate in Italia, saranno quelle che pian piano andranno scomparendo, perché poco adatte a resistere a climi estremi come quelli a cui ci stiamo abituando nel nostro paese. "La ricerca sui portainnesti è fondamentale - dice Scienza - A Milano abbiamo già creato delle varietà resistenti a questi climi, ma siamo consapevoli che c'è tanto da fare. Non dobbiamo sottovalutare i segnali che ci sta inviando la Natura e farci trovare impreparati". Ma soprattutto, per Scienza, bisogna agire anche in vigna: "Intanto bisogna piantare le viti più distnati tra di loro, in modo tale che gli apparati radicali vadano più in profondità e si espandano con più facilità rispetto al normale - dice il professore - poi è tempo di delocalizzare le vigne. I luoghi costieri sono destinati a sparire, a fronte di località collinari e del centro Italia. E poi bisogna fare interventi specifici nel periodo invernale". Per Scienza l'annata secca di quest'anno cambierà per sempre il modo di fare viticoltura in Italia: "Siamo di fronte ad un passaggio epocale - dice - I vini italiani assomiglieranno sempre di più a quelli dell'Australia o della California, così come i vini del Nord saranno più simili a quelli del Sud. Che ci piaccia o no, i vini del futuro, ma di quello a stretto giro di posta, saranno ben diversi da quelli di oggi. E' un ciclo. Che già è avvenuto e che avverrà di nuovo".

Meno produzione quest'anno, "ma una cosa comune a tutta l'Europa, Francia e Spagna comprese", dice Scienza che poi avvisa: "Irrigazioni di soccorso? Adesso è tardi - dice - Le irrigazioni vanno fatte entro luglio. E poi sono costosissime e comunque non tutte le zone si prestano a questi interventi dell'uomo. Poi credo che siano delle forzature, soprattutto fatte in questo momento, visto che la pianta non riesce a metabolizzare l'acqua e sono effetti negativi per la qualità del vino che si andrà a produrre. Perché in cantina poi ci sarebbero problemi di solforosa, carica batterica e livelli di zucchero. Meglio lasciare le cose come stanno. Anche la pioggia, adesso, avrebbe effetti deleteri".

G.V.

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Riccardo Camanini

Ristorante Lido 84

Gardone Riviera (Bs)

1) Sarda di lago affumicata e fritta

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search