Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Lutto il 16 Settembre2018


(Stefano Bellotti)

Molti raccontano che se ne sia andato mentre vendemmiava, la cosa che più al mondo amava fare. La verità è che Stefano Bellotti stava male da un po'.

Lui è stato il vero pioniere dei vini naturali, prodotti con il metodo della biodinamica. E proprio di biodinamica avevamo parlato con lui, in occasione di un incontro in cui spiegava cosa fosse (l'intervista rilasciata allanostra Annalucia Galeone). Bellotti aveva 59 anni. Coltivava uve nella zona di Gavi. Fu un antesignano, aveva iniziato ad applicare i protocolli del biologico e del biodinamico nei primi anni '80. Prima al vino, poi via via a tutto il resto dell’agricoltura e dell’allevamento nella sua cascina. Quella Cascina degli Ulivi che è diventato negli anni anche un ristorante e un agriturismo e un punto di riferimento per chi crede che la difesa del territori e dell’ambiente e un cibo buono, pulito e giusto siano un diritto e nello stesso tempo un dovere. Bellotti era diventato il presidente della sezione italiana di Renaissance des Appellations, una associazione di vignaioli creata da Nicolas Joly nel 2001 che attualmente raggruppa oltre 160 produttori da tutto il mondo, che pensano e agiscono sul terreno comune dell’agricoltura biodinamica antiburocratico, anarchico. ribelle. Era stato uno degli “eroi” di Jonathan Nossiter nel film “Resistenza naturale”. Una sorta di manifesto internazionale del nuovo vino. I suoi vini, appunto, interessantissimi. Dai provocatori e semplici  Semplicemente Vino Bellotti Bianco e Semplicemente Vino Bellotti Rosso, vere bottiglie da tutti i giorni ai grandi Gavi come il Filagnotti o il Montemarino che nascono da vigne di oltre sessant’anni.

C.d.G.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Paolo Barrale

Aria Restaurant

Napoli

4) Vino e percoche

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search