Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Scenari il 24 Ottobre 2017
di C.d.G.


(Vigneti gelati in Francia)

Una produzione così bassa non si vedeva dalla fine degli anni '50 e inizi degli anni '60. 

Lo ha comunicato, dopo i dati forniti da Assoenologi (leggi questo articolo), Oiv, l'organizzazione internazionale della vite e del vino, che ha diffuso i numeri sulla vendemmia dei principali paesi mondiali produttori di vino. La produzione complessiva, dovrebbe attestarsi sui 246,7 milioni di ettolitri con un calo dell'8 per cento rispetto al 2016. I motivi di questo calo? Quello più importante le gelate che hanno colpito gran parte del'Europa ad aprile, "bruciando" i germogli. E poi l'ondata di caldo che ha investito anche il nostro paese, costringendo paesi come l'Italia alla vendemmia più scarsa degli ultimi 70 anni. In Francia non si vedevano numeri così bassi dal 1950. Cali ridotti in Spagna e Germania, mentre gli Stati Uniti alla fine dovrebbero chiudere con un pareggio, visto che gli incendi che hanno devastato la California hanno interessato solo le uve tardive. I cali maggiori per Italia, francia e Spagnam che perderanno rispettivamente il 23%, 19% e 15% rispetto all'anno scorso: in ettolitri, un calo di -39,3 milioni, - 36,7 milioni e -33,5 milioni. E i prezzi, come reagiranno a questo calo di produzione. Storicamente meno vino, significa prezzo delle bottiglie più elevato. E' ancora però troppo presto, almeno stando al parere degli esperti, fare delle previsioni. Il dubbio rimane sulle scorte di magazzino. 

C.d.G.


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Gennaro Esposito

Torre del Saracino

Vico Equense (Na)

1) Crocchetta di stoccafisso e crema di capperi

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search