Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi

Andrea Camaschella

Marina V. Carrera

Sofia Catalano

Roberto Chifari

Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco

Annalucia Galeone

Federica Genovese

Clarissa Iraci

Francesca Landolina

Federico Latteri

Irene Marcianò

Bianca Mazzinghi

Alessandra Meldolesi

Clara Minissale

Fiammetta Parodi

Geraldine Pedrotti

Stefania Petrotta

Michele Pizzillo

Fabiola Pulieri

Enzo Raneri

Mauro Ricci

Emanuele Scarci

Marco Sciarrini

Sara Spanò

Giorgia Tabbita

Fosca Tortorelli

Maristella Vita

Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Scenari il 16 Ottobre 2018
di C.d.G.

di Alessandra Meldolesi

È arrivato il momento del cambio della guardia per Dom Pérignon. Dal carismatico Richard Geoffroy a Vincent Chaperon, nuovo chef de cave della maison di Épernay, in questo momento appaiati in una trasmissione del sapere che durerà 6 mesi (ne parlavamo in questo articolo).  

I due erano entrambi presenti alla presentazione ufficiale di Milano. “Provo grande emozione, ma anche sicurezza e rassicurazione - ha commentato Geoffroy - Vincent è un grande tecnico. Ma conta soprattutto l’aspetto umano e per questo sono fiero che sia lui a prendere il mio posto”. “Entrare in Dom Pérignon è un po’ come prendere gli ordini, qualcosa che richiede l’interezza di quanto è nelle nostre capacità”, ha replicato il successore. A ritmare l’evento una degustazione guidata, iniziata dal Dom Pérignon 2008, millesimo su cui tutti fantasticano in Champagne, nutrendo aspettative altissime. Per Geoffroy rappresenta quasi un archetipo. “Cosa fa di un vino un grande Champagne, è una domanda che ci poniamo tutti i giorni. Sono l’eccellenza e la costanza; ancor di più la capacità di sorprendere, il pubblico e noi stessi. Noi non cerchiamo la costanza, ma, insolitamente in Champagne, l’apologia del nuovo: ogni anno ci sforziamo di creare qualcosa di diverso”. L’anno è stato nuvoloso, caldo solo nel finale; la vendemmia quindi tarda, settembrina, la più lunga di sempre con le sue 4 settimane, in cerca della massima maturità. Ne risulta la rivisitazione di un archetipo tagliente, fatto innanzitutto di rigore.


(Vincent Chaperon)

“Quindi la sacrosanta acidità dello Champagne, ma è proprio l’equilibrio acido a esprimere l’annata, da vestire con un po’ di carne, o meglio muscolo longilineo, affusolato sull’osso. Perché la ricetta non è fissa: abbiamo la libertà di scegliere. E ogni millesimo influenza i successivi”, secondo Chaperon. Mentre Geoffroy ha enfatizzato la magia di quanto non è prevedibile. “Perché Dom Pérignon deve continuare a rischiare. Il rischio più grande sarebbe non correre rischi. Auspico che Vincent conservi questo spirito”.

A seguire 2004 e 2003, frutto di una maggiore concentrazione dell’uva dovuta al vento, foriera di un’illusione di maturità. “Il vino è stato fatto da tutta la squadra”, ha continuato Geoffroy. “Inizialmente il 2003 ha ricevuto anche critiche. Ma era solo uscito troppo presto. Sono sempre stato convinto che fosse un grande Champagne, quindi ho piacere di ripresentarlo adesso. Restituisce tutta l’energia che è stata profusa per produrlo come un vino tout court. Ma se il 2003 è stato l’anno di tutte le sfide, il 2004 è stato l’anno di tutte le facilità. Il coraggio è stato quello di non intervenire di fronte a una parentesi aerea di leggerezza ed equilibrio. Una carezza di Dom Pérignon”.    


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Felice Sgarra

Casa Sgarra

Trani (Bt)

3) Melanzana con burrata d’andria e gelato al pomodoro

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search