Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Scenari il 12 Novembre 2018
di C.d.G.


(Enrico e Roberto Cerea)

Siamo quasi a fine anno ed è tempo di fare i bilanci. Non solo quelli di una stagione che si sta per chiudere, ma anche quelli economici. 

E a fare i conti in tasca agli chef più importanti del nostro paese, ci ha pensato la Pambianco strategie di impresa, che ha studiato a fondo il circuito economico dei grandi ristoranti italiani, stilando un'interessante ricerca. Lo studio ha evidenziato che "complessivamente le 10 società di proprietà di chef stellati che hanno conquistato il vertice della classifica nel 2017 hanno incassato nel loro complesso poco meno di 73 milioni di euro mettendo a segno una crescita media superiore al 10%".  Un dato importante che sembra ulteriormente cresciuto nel 2018. A scalare, nei primi dieci, nomi importanti della ristorazione italiana, da Cracco alla famiglia Iaccarino del Don Alfonso 1890

  1. Da Vittorio - 17, 9 milioni di fatturato nell’ultimo anno (+ 3,5 %)
  2. Alajmo - 13,4 milioni di fatturato (+ 17,6 %)
  3. Cannavaciuolo 9,9 milioni di fatturato (+ 25,5 %)
  4. Cracco - 8,1 milioni di fatturato (+ 11,6 %)
  5. Bartolini - 6,1 milioni di fatturato (+ 30,8 %)
  6. Perbellini - 5,3 milioni di fatturato (+ 0,7 %)
  7. Bottura - Non dichiarato per il 2017, reddito 2016 pari a 5,7 milioni (n.d.)
  8. Berton - 5,1 milioni di fatturato (- 8,1 %)
  9. Romito - 4,6 milioni di fatturato (+ 10,5 %)
  10. Iaccarino - 2,5 milioni di fatturato (+ 2,8 %)

Questa classifica vede consolidata la leadership della famiglia Cerea che con il suo Da Vittorio, 3 stelle Michelin, insieme alle attività accessorie ha incassato complessivamente 17,9 milioni di euro, in crescita del 3,5%. Medaglia d'argento alla squadra d'assalto dei locali dei fratelli Alajmo, "presenti non solo in Veneto con il tre stelle Le Calandre e con La Montecchia, Gran Caffè Quadri, e Amo - T Fondaco dei Tedeschi ma anche a Parigi e tra poco a Milano in Corso Como" e cresciuti di quasi il 18% raggiungendo un fatturato di 13,4 milioni. Il podio è chiuso da Antonino Cannavacciuolo che mette a segno una crescita  di oltre il 25% grazie alla società Capri, creata con la moglie Cinzia, con la quale gestiscono non solo Villa Crespi, ma anche i loro bistrot sempre più di successo.   

C.d.G.

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Gaetano Torrente

Al Convento

Cetara (Sa)

2) Genovese di tonno

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search