Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Scenari il 07 Gennaio 2020
di C.d.G.

di Daniele Cernilli, DoctorWine

Le cerniere culturali, le commistioni, le regioni multietniche, per qualche motivo tendono a interessarmi e ad appassionarmi in modo particolare. 

Se poi trasferiamo il discorso su temi consoni qui, e cioè sul vino in primis, una delle realtà che seguo con attenzione ormai da quasi trent’anni è legata ai territori dell’Alto Adige/Südtirol che io cito sempre con la doppia dizione per sottolineare doverosamente la doppia, se non tripla se ci mettiamo anche i ladini, origine culturale di quei posti. Italia, sì, ma in gran parte di lingua germanica e in piccola parte ladina. Quindi culturalmente siamo in un crocevia, in una cerniera, che non a caso è l’estremo nord per il mondo neolatino e l’estremo sud per quello tedesco, come peraltro i nomi sembrerebbero indicare, persino al di là della loro reale origine linguistica. 

Luoghi affascinanti, per storia e tradizioni, e da alcuni decenni anche per i vini. Schiava/Vernatsch e Pinot Bianco/Weissburgunder come prodotti “nazionalpopolari” che però negli ultimi tempi hanno acquisito un valore imprevedibile e un livello di qualità diffusa sorprendente. Poi, a seconda delle sottozone, alcune vere perle di eccezionale rilievo. I Gewürztraminer a Termeno/Tramin e a Caldaro/Kaltern, i Sauvignon ad Appiano/Eppan e a Terlano/Terlan, i Riesling della Valle Venosta/Vinschgau, i Sylvaner e i Grüner Veltliner della Valle Isarco/Eisacktal. E poi i rossi, quasi tutti tipici delle zone dell’Oltradige se parliamo di Merlot e di Cabernet, ma anche i Lagrein di Gries, i Pinot Nero/Blauburgunder di Mazon, e i Sancta Magdalener di Santa Maddalena. Questo solo per citare le molte tipologie che vengono proposte che danno conto dell’ecletticità e delle sterminate possibilità espressive che i vari territori altoatesini possiedono. 

Se a questo si aggiunge una straordinaria, forse unica, articolazione virtuosa fra una cooperazione che è, a mio sommesso parere, la migliore al mondo, un grande numero di piccoli e medi produttori, spesso molto sensibili a temi ambientalistici e alcune grandi cantine private di ottimo valore, ecco che il gioco è fatto ed ecco le ragioni per le quali questa piccola regione in mezzo all’Europa è letteralmente esplosa sotto il profilo vitivinicolo. 

Certo, il livello di preparazione tecnica degli enologi e dei Kellermeister è straordinario. Molti hanno studiato alla Laimburg, un centro di notevole valore per la vitivinicoltura e la frutticoltura, e poi si sono specializzati in Germania a Geisenheim o in Austria a Klosteneuburg e qualcuno anche a San Michele all’Adige, in Trentino. Perciò sono riusciti a incrociare positivamente esigenze di carattere squisitamente tecnico con una grande attenzione alla sostenibilità e con la conoscenza di mondi che vanno al di là della semplice realtà locale. Un melting pot di tanti aspetti che hanno contribuito a fare oggi di questa regione vitivinicola una fra le più interessanti e in crescita non solo nel panorama nazionale, ma a livello mondiale, con vini solidi, ben fatti, spesso ecosostenibili e decisamente affascinanti. Gli esempi sono tantissimi e non voglio fare qui nomi di vini e di persone, anche perché da queste parti vince il comparto, non i singoli protagonisti, e anche questo è un bell’esempio per tutto il nostro mondo.

doctorwine.it


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Gennaro Esposito

Torre del Saracino

Vico Equense (Na)

1) Crocchetta di stoccafisso e crema di capperi

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search