Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Scenari
di C.d.G.


(Alessia Davì ed Edy Bandiera)

Semaforo verde per l’Istituto regionale del Vino e dell’Olio, che potrà regolarmente continuare l’attività di controllo e certificazione dei vini siciliani a denominzione d'origine e a indicazione geografica, oltre che dell'olio Dop e Igp.

La notizia ufficiale arriva questa mattina con una nota del Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali con cui viene revocata la sospensione e confermato l’Istituto quale organismo di certificazione e controllo per tutti i vini e gli olii siciliani a denominazione d’origine. Non sussistono elementi ostativi perchè l’istituto non continui a valutare i vini e gli oli prodotti in Sicilia, recita la nota, affinchè possano fregiarsi della denominazione d’origine ed essere sempre più apprezzati dai mercati nazionali e internazionali. Qualche tempo fa, il ministero aveva inviato una nota all'Irvo proprio sulla questione certificazione. L'istituto siciliano era rimasto indietro soprattutto sul fronte ispezioni in azienda. Ogni anno, infatti, è obbligatorio compiere il 100 per cento delle visite che vengono sorteggiate (il 10 per cento del totale delle aziende che producono vino e olio certificato, quindi 1.800). L'Irvo, però, non era riuscito a completare il percorso, ricevendo, una sorta di "cartellino giallo".

E' servita una convenzione con il Dipartimento Agricoltura, che ha messo a disposizione 74 dipendenti qualificati, per implementare le attività ispettive in campo e nell’attività di certificazione. Ma non solo. Perché l'Irvo è rientrato praticamente da tutte le criticità contestate dal ministero, con l’approvazione dei bilanci consuntivi dal 2014 al pluriennale 2019/2021, che hanno consentito all’istituto di essere in regola con la situazione contabile e pertanto di ricevere i trasferimenti regionali atti al suo funzionamento al piano di formazione a tutti i livelli e per tutti i ruoli ricoperti nel processo di controllo e certificazione, passando per l’istituzione di un "Comitato Ricorsi" per i controlli afferenti entrambi i settori del vino e dell’olio. Per avere un’idea, basti pensare che, soltanto nel 2019 sono stati effettuati, nell’ambito vitivinicolo, 1.367 controlli (1.034 viticoltori, 108 vinificatori, 218 imbottigliatori, 7 intermediari) e rilasciati 2.638 certificati di idoneità, con una tempistica media di 13,55 giorni, rispetto alla tempistica media registrata negli anni precedenti pari a 14,37 giorni.

"Il Governo Musumeci fin dal suo insediamento ha creduto e investito nelle potenzialità dell’Istituto – afferma l’assessore regionale siciliano per l’agricoltura, Edy Bandiera – Oggi raccogliamo i frutti dell’impegno e dello sforzo profuso e garantiamo da un lato gli imprenditori agricoli dell’Isola, che possono contare su un ente certificatore siciliano, riconosciuto dal Ministero, in grado di assicurare professionalità e trasparenza, dall’altro assicuriamo allo stesse ente un introito, che vale circa 2 milioni di euro l’anno, necessario al funzionamento e al miglioramento delle prestazioni che può offrire". "Con soddisfazione accogliamo la decisione del Ministero sulla certificazione dei vini siciliani – afferma il Commissario Straordinario dell’Irvo, Alessia Davì – Il provvedimento chiude una fase di affanni e incertezze per l’ente e apre una nuova fase di prospettive e ulteriore rilancio".

Dalle certificazioni, l'Irvo incassa circa due milioni di euro. Ogni anno vengono controllate e certificate oltre 233 milioni di bottiglie che si riferiscono alle 23 Doc, una Docg e 7 Igt della Sicilia. A questi dati si aggiunge anche quello relativo all'olio: l'Irvo infatti certifica, almeno per il momento, circa mille tonnellate di olio Igp Sicilia e Dop Valdemone che equivalgono a quasi 2 milioni di bottiglie di olio siciliano certificate.

C.d.G. 


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

GLI APPUNTAMENTI

LE RICETTE DEGLI CHEF

Maurizio Albarello
Trattoria Antica Torre
Barbaresco (Cn)

Stefano Mazzone

Grand Hotel Quisisana

Capri (Na)

2) Tortelli di cipolle al burro di acciughe e pecorino

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search