Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Scenari il 19 Febbraio2017

Parla Fabrizio Bindocci: "Vogliamo fare quello che hanno fatto i francesi"

di Geraldine Pedrotti

E’ stato ribattezzato da molti “Il Consorzio dei Consorzi” perché racchiude 16 consorzi toscani di vini Doc e Igp, rappresentando circa 5 mila imprese, oltre 20 mila addetti, con un fatturato superiore al miliardo di euro e una quota di export superiore al 70 per cento. 

Stiamo parlando di Avito, l’organismo nato lo scorso anno che adesso punta in alto e si candida a sostituire Toscana Promozione, diventando l’interlocutore unico della Regione Toscana per tutto ciò che riguarda la produzione d’eccellenza. “Toscana Promozione è un’entità destinata a chiudere – dice Fabrizio Bindocci, ex presidente del Consorzio Brunello di Montalcino e ora alla guida di Avito – vorremmo sostituirci all’ente regionale con una struttura snella, senza poltrone, senza spese. Questo permetterebbe di diventare interlocutore unico con la Regione ma anche con il governo nazionale e con l’Unione europea e avere più forza contrattuale nelle battaglie che riguardano i diritti del territorio e dei produttori”.

E le ambizioni di Avito non terminano qui. L’obiettivo è allargare il campo ai consorzi di tutela di tutte le eccellenze toscane, non soltanto enologiche. “Vogliamo fare quello che hanno fatto i francesi – spiega Bindocci – muoverci come Toscana nella sua interezza, rappresentando tutto ciò che di meglio abbiamo, dal vino al formaggio, dal prosciutto all’olio”. 

Un piano ambizioso, che tende a superare tutti i particolarismi in una regione piena di “campanili”. “Separati non si va da nessuna parte – attacca Bindocci – dobbiamo fare gioco di squadra. Gli atti di snobismo non fanno bene alla Toscana e ai suoi prodotti, vino in primis. Non ha alcun senso fare i primi della classe, perché oggi sei bravo e vendi, domani non si sa. E’ facile passare dalle stelle alle stalle, e se si va avanti da soli senza una rete si cade e non ci si rialza più”. 

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Luca Lacalamita

Lula pane e dessert

Trani (Bt)

1) Tartelletta di stagione

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search