Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Contributors

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano

Roberto Chifari

Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco

Annalucia Galeone
Federica Genovese

Clarissa Iraci

Francesca Landolina

Federico Latteri
Irene Marcianò

Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi

Clara Minissale

Fiammetta Parodi

Geraldine Pedrotti

Stefania Petrotta

Michele Pizzillo

Fabiola Pulieri
Enzo Raneri

Mauro Ricci
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita

Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione
eventi
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Scenari il 15 Maggio 2019
di C.d.G.


(Ciro Biondi)

“Avere mappe delle contrade dell’Etna. Questa è una priorità”, a dirlo è Ciro Biondi, patron della cantina Le Vigne Biondi, nel comune di Trecastagni.

Il produttore trova un po’ assurdo che ancora non ci sia una mappatura delle contrade, mentre l’evento che ne porta il nome sia così cresciuto. “La mappatura è di certo una delle priorità del Consorzio e l’auspicio è che si possa avere al più presto – afferma - Come si fa a spiegare l’Etna e a descriverla, soprattutto all’estero? Non è facile trasmettere il senso delle contrade e la loro collocazione, o spiegare le diversità, senza il supporto di mappe”.

Contrade dell’Etna? “Io trovo positivo quello che si è fatto quest’anno – afferma - Nessun appunto da fare, ma avrei fatto assaggiare l’annata 2018 il lunedì, perché è un giorno libero per molti addetti al settore, dunque è più per "tecnici". La domenica la dedicherei al pubblico che viene anche per trascorrere una giornata spensierata. I vini in anteprima non sono facili da capire”. E su alcuni malumori per la novità del contributo spese richiesto in quest’ultima edizione afferma: “Mi sembra assurdo che per interessi personali si è disposti ad investire, per fiere per esempio, mentre iniziano le lamentele per un contributo minimo che valorizza il territorio e ne incrementa la crescita. Pensiamo che c’è chi ha messo le mani in tasca per sostenerlo senza mai chiedere nulla. Condividere è il minimo che si possa fare, per il bene comune”.

E il futuro di Contrade? “Resti a Franchetti o passi alla gestione del Consorzio”, questo il parere del produttore. Sull’ipotesi di un evento istituzionale ex novo, Biondi si trova d’accordo. “Penso che Contrade possa mantenere il suo format identitario. Trovo intelligente anche il fatto che si collochi nel periodo post Vinitaly, perché molti importatori, clienti e giornalisti sono in Italia e prolungano il loro soggiorno per l’evento. Un ipotetico evento istituzionale invece potrebbe collocarsi in un altro periodo dell’anno. E potrebbe essere itinerante, di volta in volta, in ambienti diversi e in versanti diversi. Rispetto a Contrade potrebbe essere strutturato in modo più tecnico e formale”. 

Sulla promozione dell’Etna, in generale, ritiene necessaria una presentazione sempre più professionale. “Il Consorzio si sta attrezzando e con l’Erga Omnes possiamo intervenire di più”. Resta la riflessione aperta sui nuovi impianti che accrescono il "vigneto Etna". Un tema che delinea il futuro dell’Etna e che fa riflettere sulla direzione da seguire. “Personalmente, sono d’accordo con il parere espresso dal produttore Giuseppe Mannino, quando dice che occorre vigilare, anche sui dati dei magazzini e sull’invenduto. Quante bottiglie si producono e quante se ne vendono? Adesso tutti pensano che produrre vino sull’Etna sia facile, ma venderlo? I prezzi stracciati farebbero danni enormi. C’è tanta richiesta all’estero, ma la gente non vuole solo la bottiglia con scritto “Etna”, vuole la storia dietro l’etichetta. Non ci si improvvisa e a volte ho l’impressione che l’obiettivo sia avere la bottiglia con il proprio nome sopra. Non è così. Non ci si può improvvisare. Per i piccoli produttori, il magazzino è limitato e con due o tre annate dentro, potrebbe esserci la necessità di svuotare le botti. Il rischio è di abbassare i prezzi. Dall’altra parte i grandi potrebbero fare vini con logiche più commerciali”. Insomma, un invito alla prudenza. Ma oggi sull’Etna prevale una qualità media alta e c’è un fattore di forza, da non sottovalutare: l’unione. “Mi piace l’unità che c’è ed è questa la nostra forza”. Amicizie, legami di fiducia e stima reciproca sono ottimi presupposti per creare una squadra. Ci sono anche nuovi investitori. “I nuovi? Osservo. Vediamone il lavoro e poi potrò esprimermi”. 

F.L.


LEGGI QUI L'INTERVISTA A GIUSEPPE MANNINO

LEGGI QUI L'INTERVISTA A FRANCESCO CAMBRIA

LEGGI QUI L'INTERVISTA A FRANK CORNELISSEN 

LEGGI QUI L'INTERVISTA A MARCO NICOLOSI 

LEGGI QUI L'INTERVISTA A GIUSEPPE RUSSO  

LEGGI QUI L'INTERVISTA A MICHELE FARO

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search