Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Scenari il 12 Giugno 2018
di C.d.G.


(ph Giovanni Franco)

Sfiorano quota 150 mila i bar italiani, vera e propria istituzione da Nord a Sud, luogo di ritrovo ma anche un modello di impresa in grado di fatturare 18 miliardi l'anno.

Si consumano soprattutto bevande calde (36,6%). Quanto ai prezzi. un caffè costa in media 1 euro, un cappuccino 1,30 euro, mentre per un panino si pagano 3,10 euro. Sono gli ultimi dati aggiornati della Federazione Italiana Pubblici Esercizi, presentati dal presidente Lino Enrico Stoppani, in occasione di un incontro a Gourmet Expoforum a Torino, promosso in collaborazione con Esercizi Pubblici Associati di Torino e provincia e Ascom Torino. Un mondo composto da 149.154 esercizi, dove spicca la Lombardia, con il maggior numero di bar (16,9%), seguita da Lazio (10,4%), Campania (9,6%), Veneto (8,4%) e Piemonte (7,2%).

A prevalere come tipologia sono i breakfast e i morning (30%), seguiti da bar generalisti (24%), lunch bar (17%), bar serali (16%) e bar multifunzione (14%). Agli italiani, secondo l'Ufficio Studi Fipe, piace andare al bar soprattutto per fare colazione; un'abitudine quotidiana per 5,4 milioni di persone con una spesa media di 2,40 euro; gli habituè del pranzo sono 1,3 milioni, con una spesa di 7,50 euro. I prodotti maggiormente consumati, dopo le bevande calde, sono quelle alcoliche e aperitivi (13,3%), brioche (12,6%), snack e gelati (10,8%), bevande analcoliche (10,4%), acqua minerale (8,8%) e panini o piatti (7,5%). Un settore vivace sul fronte occupazionale, con 9.900 baristi attivi nel 2017, dove prevale la componente femminile dipendente (58%) su quella maschile (42%). Mentre il 79% dei dipendenti è di nazionalità italiana, gli stranieri si attestano sul 21%. Per quanto riguarda la vita delle imprese, il saldo del 2017 è stato comunque negativo con 5.644 attività, risultato della differenza tra 6.335 iscritte e 11.979 cessate.

C.d.G.


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Antonio Zaccardi

Pashà Ristorante

Conversano (Ba)

3) Animelle, fagiolini e tartufo

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search