Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi

Andrea Camaschella

Marina V. Carrera

Sofia Catalano

Roberto Chifari

Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco

Annalucia Galeone

Federica Genovese

Clarissa Iraci

Francesca Landolina

Federico Latteri

Irene Marcianò

Bianca Mazzinghi

Alessandra Meldolesi

Clara Minissale

Fiammetta Parodi

Geraldine Pedrotti

Stefania Petrotta

Michele Pizzillo

Fabiola Pulieri

Enzo Raneri

Mauro Ricci

Emanuele Scarci

Marco Sciarrini

Sara Spanò

Giorgia Tabbita

Fosca Tortorelli

Maristella Vita

Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Scenari il 02 Maggio 2019
di C.d.G.

"L'Irvo ce la può fare. Hanno sei mesi per sistemare quanto richiesto dal ministero delle Politiche Agricole". 

A parlare è Giacomo Gagliano, direttore dell'Icqrf Sicilia. Loro saranno incaricati dal Ministero di verificare che l'Irvo, l'istituto regionale vini e oli di Sicilia metta in pratica quanto richiesto dal Ministero qualche giorno fa dopo la sospensione dell'attività dell'istituto per sei mesi. "Ritengo che la questione più complesa riguardi le verifiche alle aziende che annualmente l'Irvo deve fare - spiega Gagliano - Sappiamo tutti delle difficoltà economiche che l'istituto ha avuto nei mesi scorsi ed è per questo che il Ministero ha richiesto un bilancio dettagliato che renda autonomo l'istituto e permetta di avere personale e tutto il necessario per affrontare i controlli". 

L'Icqrf Sicilia farà verifiche mensili: "Mera attività di ufficio - spiega Gagliano - Cercheremo di capire come procedono le verifiche nelle cantine e se tutto funziona. Ma ci tengo a rassicurare tutti: per le cantine non cambia nulla. E' che il ministero ha chiesto all'Irvo, dandogli sei mesi di tempo, di mettersi in linea con quanto prevede la norma sui controlli". Anzi, come spiega Gagliano, l'Irvo ha migliorato notevolmente la sua attività: "L'Irvo ha sempre condotto in maniera eccelente l'attività di certificazione - dice - Adesso ha anche abbassato i tempi passando a 14/15 giorni di tempo per ricevere una risposta, mettendosi diciamo in linea con gli altri enti certificatori. E sono certo che questo numero potrà calare ulteriormente". Rilasciare un certificato non è semplice come appare: servono i prelievi dei campioni, o l'arrivo degli stessi in istituto, una commissione di degustazione, le analisi chimiche: "Insomma occorrono dei tempi tecnici sotto al quale non si può andare", dice Gagliano. 

Secondo il direttore dell'Icqrf Sicilia, la sopravvivenza dell'Irvo non è messa in discussione: "Hanno dimostrato capacità, hanno personale competente e preparato - dice - Il loro difetto è quello che non hanno mai ragionato come un ente privato, ma si sono sempre cullati del fatto di essere un ente regionale. Ecco, adesso credo che la svolta dipenda anche dal fatto che comprendano bene questa cosa e pensino di essere più un ente privato, anche sotto il punto di vista organizzativo. Sono certo che ce la faranno".

C.d.G.


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Felice Sgarra

Casa Sgarra

Trani (Bt)

3) Melanzana con burrata d’andria e gelato al pomodoro

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search