Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Scenari il 11 Luglio2019

E' di undici arresti - sei in carcere e cinque ai domiciliari - e quattro aziende sequestrate il bilancio della maxi operazione "Ghost Wine" che, dalle prime ore di questa mattina, tiene impegnati oltre 200 carabinieri del gruppo per la Tutela della Salute di Napoli e dei carabinieri del Nas con oltre a 90 ispettori dell'unità centrale investigativa dell'Icqrf. 

Secondo gli investigatori, era stato messo su un sistema di sofisticazione del vino, sia mediante zuccheraggio - pratica vietata - che attraverso l'importazione di vino spagnolo. In entrambi i casi, la bevanda veniva smerciata poi come biologica a basso prezzo, Doc o Igt italiana, sia sul mercato italiano che su quello estero. Il gip Michele Toriello ha disposto l'arresto in carcere per Antonello Calò, 64 anni di Copertino; Giuseppe Caragnulo, 58 anni di San Donaci; Vincenzo Laera, 38 anni di Mesagne; Rocco Antonio Chetta, 65enne di Lequile; Antonio Domenico Barletta, 56 anni di Lecce; Luigi Ricco, 55 anni di San Ferdinando di Puglia, nel Barese. Per cinque degli indagati è stata disposta la misura coercitiva degli arresti domiciliari. Si tratta di Pietro Calò, 26 anni di Copertino; Giovanni Luca Calò, 50enne di Lecce; Cristina Calò, 55 anni di Copertino; Simone Caragnulo, 23 anni di San Donaci; Antonio Ilario De Pirro, 51 anni residente a Galatina. 

Trenta sono gli indagati a vario titolo: Tommaso Vantaggio, 40 anni di Racale; Susanna Calò, 34 anni di Copertino; Vincenzo Morrone, 31 anni di Sant'Antimo, provincia di Napoli; Santo e Giovanni Aimone, 65 e 34 anni anni di Sant'Antimo, provincia di Napoli; Vincenzo Bevilacqua, 40enne di Capaccio, provincia di Salerno; Rosario Aurigemma, 58 di Pontecagnano Faiano, provincia di Salerno; Giuseppe De Bari, 55 anni di Molfetta; Nicola Suglia, 55 anni di Noicattaro; Giovanni Tornese, 29 anni, di Copertino; Stefano Troncone, 39 anni, di Novoli; Daniela Gravili, 42 anni, di Cellino San Marco; Antonio Caragnulo, 56 anni di San Donaci; Salvatore Mazzotta, 54 anni di Trepuzzi; Renato D'Auria, 53 anni di Ortona, provincia di Chieti; Cosimo Campanella, 36 anni, di San Pietro Vernotico; Dario Bardi, 31 anni di Cellino San Marco; Oronzo Pezzuto, 36 anni di Surbo; Antonio De Iaco, 63 anni residente a Felline; Michele Brattoli, 68 anni di Trinitapoli, provincia Bat; Bruno Lucio Damiani,  62 anni di Trinitapoli, provincia Bat; Fabio De Pirro, 55 anni, di Galatina; Francesco Libertini, 55 anni di Lizzanello; Roberta Elisabetta Trande, 50 anni, di Lecce; Simone Nestola, 34 anni di Copertino; Giacomina Tavani, 41 anni di Lizzanello; Marta Abbracciavento, 38 anni di Lecce; Francesco Ciotola, napoletano residente a Cutrofiano, classe 1957; Antonio D'Oro, 49enne di Bonito, provincia di Avellino; Giuseppe Dell'Aversana, 40 anni di Orta di Atella, provincia di Caserta. 

Il giudice ha accolto la richiesta di sequestro preventivo presentata dalla Procura per quattro aziende, per le quali il giudice ha nominato Massimo Bellantone quale amministratore giudiziario. Le aziende sono la Agrisalento srl di Copertino, la Enosystems srl sempre di Copertino, la Megale Hellas srl di San Pietro Vernotico e Ccib Food Industry srl di Roma.  Sono stati sequestrati anche 30 milioni di litri di vino.

C.d.G.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search