Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Taormina Gourmet 2016
di C.d.G.

 
(Daniele Cernilli e Riccardo Cotarella)

A spasso per l’Italia con i grandi vini di Cotarella è una galoppata tra le regioni del Paese attraverso vini che sono oggi punti di riferimento nel panorama nazionale. La degustazione, introdotta dallo stesso enologo, Riccardo Cotarella, è guidata dal giornalista Daniele Cernilli.

Si inizia con un Grillo siciliano per passare alle Marche con un vino che ha aperto la strada sulle potenzialità del Verdicchio. Si sale in Puglia con un vitigno indigeno, l’Ottavianello per raccontare la trasversalità della regione. Poi a San Severo e ancora da Leone De Castris, l’azienda più antica del Salento. Si torna nelle Marche con la cantina Muròla costituita su circa 500 ettari nell’entroterra maceratese. Ci si sposta in Umbria con un Cabernet Franc, il Narnot di La Madeleine. E infine si degusta un vino che proviene da una selezione clonale di Aglianico del Cilento. “Questi vini sono testimoni della nostra terra e degni di rispetto a prescindere da chi produce: si tratti di un imprenditore, di un politico, di un giornalista. Nulla cambia. Non ghettizziamo per antipatia o simpatia.
Sono grandi vini. Questa è l’Italia e nessuno ce la può scimmiottare”, commenta Cotarella.

Ecco le note di degustazione:
Lalùci 2015 Cristo di Campobello: azienda nell’entroterra di Licata. “Nel vino c’è la nota selvatica e del frutto della passione. Profumo fine ed elegante. Buona acidità, succoso. Bella struttura e calore del Sud. Vino mediterraneo.

Vigna Novali Castelli di Jesi, Verdicchio Riserva 2013 - Moncaro: Colore paglia d’orato. Al naso note di mandorla, pistacchio, confetture di cotogne. Non si sente per nulla il legno. Ottima acidità. Buona evoluzione per un bianco di annata calda.

Otto 2014 Carvinea: Al naso fragoline selvatiche, ribes, sottobosco. Un vino mediterraneo che svela calore ma non appesantisce. Buona freschezza.

Terra di Lavoro 2014 Galardi: Una sintesi di Aglianico (90 per cento) e Piedirosso (10 per cento). Colore violaceo contrariamente a quanto ci si può aspettare da un Aglianico. Note floreali, di viola e di frutti di bosco. Il legno non si sente molto. In bocca tannini compatti, tipici dell’Aglianico.

Impavido Primitivo 2013 - Tenuta Coppadoro: Una zona atipica per il Primitivo. Molto colore e frutta sotto spirito al naso. Nota di tannino. Color rosso rubino, con l’invecchiamento si accentuano i dolci riflessi violacei; i profumi di spezie e frutti di bosco e il sapore pieno e armonico sono nobilitati ed equilibrati dal contatto con le barrique.

Per Lui Salice salentino, Riserva 2013 Negroamaro - Leone De Castris: In bocca esplosivo, non una grandissima acidità ma finale caldo e avvolgente. Un vino giorvane che deve aspettare ancora almeno 5 o 6 anni in bottiglia.

Teodoro 2012 - Muròla: Un interessante Montepulciano. Colore concentrato, rosso rubino intenso; profumi di amarena, pepe bianco e spezie vicine alla noce moscata. Al palato si rivela intenso e armonioso, complesso e di grande eleganza.

Nornot 2011 - La Madeleine: I caratteri tipici del Cabernet Franc, uniti al territorio di origine che contribuisce fortemente alla loro esaltazione, risultano altamente e chiaramente espressi. Colore intenso, profumo complesso al quale segue un gusto avvolgente con tannini decisi ma aggraziati.

Omaggio a Gillo Dorfles 2012 - San Salvatore: Alla vista è profondo, quasi impenetrabile. Note di tabacco liquirizia, cioccolata, creano la dorsale aromatica di questo vino, ed in aggiunta piccole sfumature di frutta matura, prugna e confettura di ciliegie. In bocca lungo e setoso, caldo con un tannino ramificato che pervade il palato per lungo tempo. Un vino comprensibile che può essere capito in ogni parte del mondo.

Francesca Landolina


ALCUNE IMMAGINI DELLA DEGUSTAZIONE













 


 


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

GLI APPUNTAMENTI

LE RICETTE DEGLI CHEF

Gabriele Boffa

Locanda del Sant'Uffizio Enrico Bartolini

Cioccaro di Penango (At)

1) Asparago, seirass e tuorlo al curry

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search