Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Taormina Gourmet 2016
di C.d.G.


(Fabiola Pulieri ed Emanuele Cottone - ph Vincenzo Ganci)

Emanuele Cottone, macellaio palermitano premio Cronache di Gusto best in Sicily 2015, e Lorenzo Dabove in arte Kuaska, assaggiatore genovese di birre da 38 anni, riuniti a Taormina Gourmet per un cooking show sull’abbinamento “caldume” e birre artigianali.

“La caldume – spiega Cottone - è una delle parti del quinto quarto, varie parti dell’intestino, bomaso, abomaso e prestomaco del bovino, in passato banditi per timore “mucca pazza” e riabilitati di recente. È un piatto di origini popolare che viene preparato da freddo e con una lunga cottura da servire caldo e accompagnato con brodo”.

“L’abbinamento birre/cibo – spiega Kuaska - è una novità per molti in Italia, ma in realtà in altri paesi è già consolidato anche perché molto spesso là dove le birre osano i vini non possono osare. Per dimostrare l’eclettismo delle birre abbiamo scelto due birre molto diverse tra di loro, una di ispirazione belga la Triple del birrificio Extraomnes prodotta in provincia di Varese, una birra molto alcolica, fermentata ad alta temperatura e con finale secco, per la quale l’abbinamento con il quinto quarto è particolarmente consigliato”.

In abbinamento alla ricetta di quinto quarto presentata, emergono le caratteristiche principali della Triple Extraomnes, l’alcolicità e la secchezza che costituiscono un perfetto abbinamento con la succulenza della zuppa ed in grado allo stesso tempo di pulire il palato tra un boccone e l’altro.

La seconda birra in degustazione è stata la BB10 del birrificio Barley, la prima birra con mosto cotto di Cannonau in Italia con un lungo affinamento in bottiglia, dalle gradevoli note amare e tostate che smorzano la grassa dolcezza della zuppa.

Infine una degustazione della birra riserva Xyauyu del birrificio Baladin 2013, una birra da meditazione che all’olfatto preannuncia note di calore tipiche di birre molto alcoliche o da distillato che ritroviamo al palato, perfetta su suggerimento di Kuaka con il foie gras.

Daniela Corso


ALCUNE IMMAGINI DEL COOKING SHOW













 

 


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

GLI APPUNTAMENTI

LE RICETTE DEGLI CHEF

Gabriele Boffa

Locanda del Sant'Uffizio Enrico Bartolini

Cioccaro di Penango (At)

1) Asparago, seirass e tuorlo al curry

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search