Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Taormina Gourmet 2016
di C.d.G.

Paolo Barrale, dopo la critica che lo ha etichettato come chef carnivoro, si converte al veganesimo a Taormina Gourmet.

Un “ramen fuori dalla norma” è il piatto con cui lo chef stellato del Marennà Paolo Barrale, siciliano di origini e campano di adozione, ha chiuso in bellezza i cooking show a Taormina Gourmet 2016.
Gli ingredienti della ricetta tradizionale siciliana della pasta alla norma, pomodoro, melanzana e ricotta sono presenti nel piatto di Barrale ma trattati in maniera innovativa. Il ramen, piatto tipico della cucina giapponese a base di spaghetti serviti con brodo, viene reinterpretato in chiave mediterranea. La  base, solitamente dashi o miso viene sostituita da un brodo a base di acqua di pomodoro, succo di melanzane, aceto di riso e salsa di soia, ricreando in questo modo la nota affumicata caratteristica del dashi. Nel pieno rispetto della filosofia vegana la ricotta non deriva dal latte bensì dalle mandorle, con un procedimento identico a quello della preparazione del tipico latticino siciliano, ma in questo caso a base di latte di mandorle, lasciato in infusione con acqua, cagliato con sale, filtrato e riposto in fuscelle, e dalla sorprendente similitudine per consistenza ed aromaticità.

La pasta, inoltre, sono ottimi spaghetti di Gragnano Igp. Completa il piatto la buccia della melanzana, lasciata  in infusione con soia, zenzero peperoncino e sesamo, che ricrea l’elemento sapido come avviene con l’ingrediente orientale gomasio. E per finire basilico, un filo d’olio extra vergine di oliva ed erba cipollina per conferire un tocco di freschezza e di erbaceo. L’abbinamento è con un Campanaro Feudi di San Gregorio 2015, da Greco di Tufo e Fiano di Avellino in uguali proporzione, grande finezza ed armonia di aromi minerali e sapidità in evidenza che ben si sposano con le caratteristiche del piatto.

Daniela Corso

ALCUNE IMMAGINI DEL COOKING SHOW

















 


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

GLI APPUNTAMENTI

LE RICETTE DEGLI CHEF

Maurizio Albarello
Trattoria Antica Torre
Barbaresco (Cn)

Stefano Mazzone

Grand Hotel Quisisana

Capri (Na)

2) Tortelli di cipolle al burro di acciughe e pecorino

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search