Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Taormina Gourmet 2016
di C.d.G.


(Walter Massa e Federico Latteri - ph Vincenzo Ganci)

"Siamo nei Colli Tortonesi, nella parte meridionale del Piemonte e i vini che degustiamo sono quelli di un produttore di grande onestà intellettuale: Walter Massa", afferma Federico Latteri di Cronache di Gusto, introducendo la degustazione. 

"Oggi credendo alle nostre radici abbiamo sdoganato i luogi comuni che vogliono che il vino buono sia solo in alcune zone d'Italia - afferma Massa - L'esempio è sempre la Sicilia. Un giorno Fabrizio Carrera, direttore di Cronache di Gusto, mi disse "ciò che accade per la prima volta in Sicilia poi accade al resto d'Italia". Ed è vero. Dalla Sicilia partivano le cisterne di vino poi sono arrivati i primi forestieri e infine c'è stato il risveglio delle origini ed è iniziato il movimento che porta al successo. In una parola basta pensare ad una parola magica: Etna. L'Italia sta cambiando, inizia a crescere, ma deve avere il coraggio di osare e di credere nelle proprie origini".

Poi Massa prosegue: "Vengo da un territorio con 4 mila anni di cultura,ma abbiamo perso un treno. Non si sono piantate le vigne per abbattere i costi di produzione - racconta - Quando sono entrato in azienda ho cominciato a credere nella vigna. Non volevo raccontare barzellette, ma contribuire alla mia gioia interiore e a dare un senso al mio territorio. Il mio è un percorso eretico per gente che ha voglia di cambiare vita non che fa finta di cambiare o di spiegare come stare al mondo". L'azienda possiede 27 ettari di vigneto, di cui 12 di Timorasso e 10 di Barbera.

Ecco i vini degustati

  • Derthona 2010 Timorasso
  • Montecitorio 2010 Timorasso
  • Costa del vento 1990 Timorasso
  • L'avvelenata 2010 Freisa. Un vino 
  • Monleale 2010 Barbera (non è ancora in vendita, diventerà Docg)
  • Pertichetta Croatina 2000
  • Monleale Barbera 2000
  • Monleale Barbera 1990

Francesca Landolina

ALCUNE IMMAGINI DELLA DEGUSTAZIONE













 


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

GLI APPUNTAMENTI

LE RICETTE DEGLI CHEF

Maurizio Albarello
Trattoria Antica Torre
Barbaresco (Cn)

Stefano Mazzone

Grand Hotel Quisisana

Capri (Na)

2) Tortelli di cipolle al burro di acciughe e pecorino

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search