Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Taormina Gourmet 2018 il 27 Ottobre 2018
di C.d.G.

Il Parmigiano Reggiano, l’inimitabile re dei formaggi italiani, è stato il protagonista di una masterclass a Taormina Gourmet in una verticale con 6 diverse stagionature. 

 Il viaggio multisensoriale ha guidato i partecipanti attraverso  6 stagionature, da 24 a 144 mesi, di Parmigiano Reggiano del Caseificio Malandrone di Pavullo nel Frignano (MO), che raccontano nove secoli di storia, in una campagna fertile che va dall’Appennino al Po, alla scoperta di allevamenti e caseifici in cui si conserva la passione per le cose fatte con cura. La stagionatura avviene in magazzini in cui lentamente matura un prodotto "vivo" preparato con latte crudo di bovine alimentate con foraggi freschi o essiccati del territorio, non contiene additivi. Ciò che si sviluppa nella fase di stagionatura, gusto e aromi inclusi, rappresenta la "carta d'identità" della natura dalla quale proviene.   

Ecco le stagionature in degustazione

Parmigiano Reggiano Doc 26 mesi
Friabile, naso di burro, latte fresco ed erba. In bocca è intenso con una buona persistenza 

Parmigiano Reggiano Doc 36 mesi
Il lattico diminuisce, il burro diventa cotto. L'erba diventa secca. Il palato è più intenso. La persistenza è ancora più intensa. 

Parmigiano Reggiano Doc 48 mesi
Al naso intense note tostate e di frutta secca. In bocca sapori intensi di grande armonia e persistenza. 

Parmigiano Reggiano Doc 60 mesi
Qui la frutta secca predomina. In bocca è vigoroso e ruvido e lascia una bella scia di mandorle e nocciole tostate. 

Parmigiano Reggiano Doc 96 mesi
Intenso e avvolgente l'aroma di frutta secca, ma anche di caffè tostato fino alla fava di cacao. In bocca il morso esplode e lascia un ricordo intenso che accarezzerà a lungo il palato 

Parmigiano Reggiano Doc 144 mesi
Una intensità olfattiva senza precedenti che parte dalla frutta secca e arriva fino alla sapidità, che si ritrova in bocca, dell'umami e salsa di soia. Finale lungo. Lunghissimo. 

Le prime quattro stagionature sono state abbinate ad un San Giorgio  Lungarotti 2007. L'ultima, invece, è stata abbinata ad un Marsala Semisecco di Rallo.

Manuela Zanni

ALCUNE FOTO DELLA DEGUSTAZIONE














Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Ciro Scamardella

Pipero

Roma

1) Raviolo di cavolfiore, vaniglia e capasanta

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search