Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Contributors

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano

Roberto Chifari

Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco

Annalucia Galeone
Federica Genovese

Clarissa Iraci

Francesca Landolina

Federico Latteri
Irene Marcianò

Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi

Clara Minissale

Fiammetta Parodi

Geraldine Pedrotti

Stefania Petrotta

Michele Pizzillo

Fabiola Pulieri
Enzo Raneri

Mauro Ricci
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita

Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione
eventi
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Tendenze il 17 Febbraio 2014
di C.d.G.

In questi ultimi tempi spopolano i vini freschi, con acidità spiccata.

Una tendenza conclamata da critici ed esperti. E la bassa gradazione alcolica è una leva oramai usata da tantissime cantine. Arriva però poi una ricerca che mette tutto in discussione. Perché un panel di wine lover che bevono vino almeno una volta la settimana, osservato dall'Australian Wine Research Institute, ha dimostrato di gradire di più vini superiori ai 13 gradi alcol. L'esperimento è stato condotto versando Cabernet Sauvignon. 

Lo studio, condotto dall'equipe coordinata da Keren Bindon, è stato pubblicato sulla rivista Food Chemistry e ha suddiviso l'analisi del gusto per vini da uve raccolte in diverse fasi di maturazione e a distanza di quattro settimane l'una dall'altra. I vini da raccolta anticipata sono stati meno apprezzati. Ma secondo i ricercatori il gusto del panel variava non tanto per il qantitativo di acol in sé ma anche per determinate qualità, come le note verdi o l'eccessiva astringenza non gradita dal palato. Gli aromi e le note di frutta matura e confettura che esprimevano i vini a più alta gradazione alcolica portavano, invece, il campione percepire e a dichiarare il vino come più pregiato. 


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Felice Sgarra

Casa Sgarra

Trani (Bt)

3) Melanzana con burrata d’andria e gelato al pomodoro

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search