Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Vini e territori il 15 Febbraio 2018
di C.d.G.


(Oscar Farinetti con i figli Francesco, Nicola e Andrea)

Una notizia che ha il sapore dell'anteprima. Oscar Farinetti sbarca in Chianti Classico. Il patron di Eataly con Fontanafredda fa il colpaccio e rileva una cantina a Gaiole in Chianti. 

Adesso è sua Il Colombaio di Cencio, un'azienda di proprietà della famiglia tedesca di Werner Ernest Wilhelm da circa vent'anni. In tutto sono circa centodieci ettari tra vigneti, ulivi e bosco. Ed una cantina di tremila metri quadri. Una grossa scommessa per uno dei territori del vino dalle grandi perfomance e da una bellezza indiscutibile. La trattativa è durata a lungo. Adesso la firma e l'acquisizione da parte di Fontanafredda che è l'azienda di Oscar Farinetti a Serralunga d'Alba rilevata alcuni anni fa ed oggi quartier generale di tutto ciò che muove il vino. L'investimento è milionario ma non è stato reso noto l'esatto ammontare della cifra. Così come non è noto se cambierà il nome dell'azienda.

In una battuta Farinetti non nasconde la soddisfazione per l'affare. "Abbiamo acquistato lì - dice il patron di Eataly - dove il Chianti Classico è nato". E così mentre aprono vari Eataly nel mondo, si susseguono le notizie sui bilanci del colosso alimentare e si pianifica la quotazione in Borsa, Farinetti, oltre a gestire l'avvio di Fico a Bologna, continua ad investire nel vino. È la prima volta a rilevare una cantina nell'Italia centrale. Dopo le aziende piemontesi (Borgogno, Fontanafredda e Brandini) e poi Serafini & Vidotto e Vigne di Zamò, tra Veneto e Friuli, tanto per citare le principali acquisizioni, adesso tocca alla Toscana. E chissà se ci sarà ancora spazio per nuove acquisizioni in altre zone del vino. (ora di pubblicazione 10,03)

C.d.G.


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Gennaro Esposito

Torre del Saracino

Vico Equense (Na)

4) Crema catalana al cedro e liquirizia, fonduta di provolone del Monaco e noci

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search