Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Vinitaly 2018 il 16 Aprile 2018
di C.d.G.

di Alma Torretta

La Doc Montepulciano d’Abruzzo ha compiuto 50 anni e al Vinitaly si è festeggiato anche con due piatti originali creati per l’occasione da Niko Romito.

Lo chef abruzzese tristellato del ristorante Reale di Castel di Sandro ha voluto dedicare al vitigno principe dell’Abruzzo due preparazioni in cui il vino non è cucinato ma stappato dalla bottiglia e integrato a crudo nel piatto.

La prima creazione, “semplice ma profonda” come Romito stessa l’ha definita, combina pane (da due diversi grani antichi), agnello “cotto in maniera aggressiva per estrarre il succo”, fegato di pollo, molto usato nella tradizione abruzzese, vino Montepulciano e polvere d’oro.


Il secondo piatto invece è consistito in una fettina di pancetta di maiale con cipolla stufata, polvere di pomodoro e, anche in questo caso, vino Montepulciano. Due piatti indimenticabili, rustici e raffinati insieme, che hanno esaltato la degustazione di Montepulciano Doc dalle annate 2014 alla 2009 dimostrando, se ce ne fosse ancora bisogno come si tratta di un vino perfetto per l’abbinamento a piatti stellati. “Il Montepuciano non è più da tempo solo un vino da tavola – ha infatti commentato Niko Romito  - è diventato un vino per i ristoranti di qualità. Sono soddisfatto e felice di contribuire a festeggiamenti dei cinquant’anni della denominazione”

I cinquant’anni sono stati l’occasione anche per fare il punto sul Montepulciano che, malgrado anche altre varietà abruzzesi si stiano facendo sempre più apprezzare, rappresenta ancora oggi il 56% del vigneto della regione con 19.000 ettari che producono 900.000 ettolitri su un totale di 2,5 milioni di ettolitri di vino abruzzese. Questi i numeri forniti dal Consorzio Tutela Vini d’Abruzzo, organizzatore dell’evento, per celebrare un vitigno di cui si hanno notizie storiche certe in Abruzzo almeno dal 1792 nelle zone più interne della regione, che poi si è diffuso verso il mare ed è diventato un pilastro della produzione dei vini delle grandi cooperative della regione, per tornare  adesso di nuovo a espandersi verso le montagne donando vini di altissima qualità. 


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Ciro Scamardella

Pipero

Roma

1) Raviolo di cavolfiore, vaniglia e capasanta

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search