Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Vinitaly 2018 il 19 Aprile 2018
di C.d.G.


(ph Ennevi VeronaFiere)

di Annalucia Galeone

Vinitaly ha appena chiuso i battenti. Il ricordo della 52esima edizione per qualcuno avrà l'amaro in bocca. La denuncia è stata fatta su facebook mentre la manifestazione era ancora in corso. 

A postare il proprio sfogo e rammarico è Viviana Malafarina, responsabile della cantina Basilisco, gruppo Feudi San Gregorio, con sede a Barile in provincia di Potenza. “Security ai magazzini, security nei corridoi e soprattutto security alle uscite. Come potranno mai uscire dieci cartoni logati da VeronaFiere?  - scrive Viviana Malafarina - La postazione era sistemata nel Padiglione 8 area Bio stand 53. Alle ore 16,15, mentre gli addetti ai lavori erano impegnati negli ultimi saluti e nel disfare gli arredi, Viviana Malafarina si è recata nel magazzino che dovrebbe essere custodito. Dopo una attenta ricerca ha riscontrato che 10 dei 12 cartoni di vini, dai cru alle etichette storiche erano scomparsi. Circa 15 minuti prima le bottiglie erano ancora lì. Un danno economico che si aggira sui 1.000 euro. Oltre il danno, anche la beffa. Nonostante la tempestiva denuncia agli addetti al controllo per bloccare le porte in uscita, i vini sembrano svaniti nel nulla. Il colpo perfetto? A quanto pare le telecamere sistemate nella zona sono obsolete e non hanno ripreso i movimenti in quelle ore e le forze di polizia effettuano solo la funzione di servizio d'ordine. “E' una storia che si ripete – sottolinea Viviana Malafarina -. Lo scorso anno sono scomparsi due dei quattro cassettoni Ikea acquistati con altre aziende. Il contratto ha una copertura assicurativa ma è ridicola. Com'è possibile tutto ciò? E' ora di dire basta e capire l'entità dei movimenti”.

Altre lamentele sono giunte dal padiglione Puglia, alcuni computer sono stati rubati. Forse è il caso di rivedere la gestione del servizio di vigilanza?

 

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Antonio Zaccardi

Pashà Ristorante

Conversano (Ba)

4) Provola affumicata dessert

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search