Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Il caso il 17 Febbraio2016

Continua l'inchiesta del giornalista Bill Whitaker che ha fatto analizzare tre tra i più venduti oli Made in Itali negli Stati Uniti: due di questi sono risultati "lampanti", ossia non adatti al consumo umano

L'emittente televisiva americana Cbs, il 3 gennaio scorso, ha dedicato uno speciale al cibo italiano. Il tema dell'inchiesta di Bill Whitaker, che è venuto in Italia per il lungo reportage, è il rapporto tra la criminalità italiana e la produzione delle prelibatezze Made in Italy, in particolare l'olio d'oliva. 

Il quadro che emerge dal servizio, visto da più di 12 milioni di americani, è che purtroppo la criminalità organizzata riesce a penetrare nei mercati dei prodotti agricoli e agroalimentari italiani, per frodare e ottenere così utili più alti. Ancora una volta il marcatore spia della truffa sta nel prezzo. Sotto i 7 dollari al gallone (1,9 dollari/litro) l’olio non può essere né extravergine né italiano. Un prezzo adeguato per trovare del vero olio italiano negli Stati Uniti è circa 50 dollari al gallone (circa 13 dollari/litro). Bill Whitaker riconosce che l'Italia ha tutte le armi per difendersi dalle lunghe mani dell'agromafia. Lo stesso giornalista ha portato tre bottiglie di olio extravergine di oliva tra i più venduti negli Usa (top seller) per farli giudicare da un panel (esame organolettico) italiano. Due dei tre oli sono stati bocciati dai giudici italiani che li ha ritenuti addirittura lampanti, ovvero non commestibili.

Se, nell'ambito dell'olio di oliva commodity a basso costo, l'Italia rischia di veder macchiata la sua reputazione, è con l'eccellenza che si salva, dimostrando di avere anche gli anticorpi per combattere la mafia. Bill Whitaker ha incontrato, nei dintorni di Palermo, il frantoiano Nicola Clemenza che ha organizzato un gruppo di produttori e per questo ha ricevuto minacce e intimidazioni dalla mafia. È qui, assaggiando il vero olio Made in Italy, che Bill Whitaker lo ha definito “il cibo di Dio” per profumi, sapori e aromi. Gli artigiani dell'olio extra vergine di eccellenza, che tradizionalmente di ritrovano a Sol&Agrifood di Verona, sono l'espressione della vera genuinità italiana, del suo gusto, dei sapori e della tradizione nazionale. Un primato che è stato riconosciuto anche da un giornalista d'assalto e d'inchiesta come Bill Whitaker.

C.d.G.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Elio Mariani

Checchino dal 1887

Roma

1) Trippa alla romana

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search