Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Numero 55 del 03/04/2008 il 02 Aprile 2008
di Emanuele Di Bella
    LABORATORIO

feotto_todaro.jpgSecondo una ricerca del Coribia il vino siciliano può rallentare lo sviluppo dei tumori. Primeggia il Perricone di Feotto dello Jato

Buono e sano

Che un po' di vino faccia bene all'organismo si sa. Ma c'è di più. Secondo un'indagine condotta dal Coribia (Consorzio di ricerca sul rischio biologico in agricoltura) alcuni rossi, in particolare quelli siciliani, riescono a rallentare lo sviluppo dei tumori. Il merito sarebbe di alcune sostanze contenute nel vino: fra tutte, resveratrolo e piceatannolo.
La ricerca in questione è stata realizzata dal Coribia, ovvero un ente di ricerca che dipende dall’assessorato regionale all’Agricoltura, su alcuni vini rossi siciliani, soprattutto sul Perricone "Vigna Curria" della casa vitivinicola Feotto dello Jato di San Giuseppe Jato. "Lo studio del Coribia, diretto dal professore Nicola Gebbia - spiega Calogero Todaro, che dell'azienda è agronomo, direttore tecnico, responsabile della produzione, direttore marketing e commerciale - è stato rivolto in particolare a sostanze come resveratrolo e piceatannolo, diffuse nel bacino del Mediterraneo. Si è visto che il piceatannolo soprattutto, è molto diffuso nei vini rossi siciliani. Questa è una sostanza di difesa delle piante che ha però anche effetti benefici nel corpo umano".
Di che si tratta? "Dall'indagine del Coribia - aggiunge Todaro - si è visto che il piceatannolo ha un effetto di controllo delle cellule tumorali. Ed è già stato testato nei ratti. Lo studio, inoltre, ha messo in luce che il nostro Perricone è un vitigno che possiede una concentrazione di resveratrolo e di piceatannolo molto superiore rispetto agli altri rossi siciliani, dieci volte superiore anche al Nero d'Avola". Ma se è vero che il vino siciliano ha simili proprietà benefiche, quanto bisogna berne? "Il dibattito è aperto - continua Todaro -. Ritengo che c'è ancora molto da studiare e la questione va senz'altro approfondita. Al momento è comunque un fatto sensazionale che sostanze di difesa della pianta possano dare benefici all'organismo umano. Penso che l'importante sia evitare gli eccessi, cioè evitare di bere troppo, cosa che annullerebbe gli effetti benefici. Se c'è moderazione il buon bicchiere di vino fa sempre bere".


G.L.M.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Felice Sgarra

Casa Sgarra

Trani (Bt)

1) Insalata d'amare

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search