Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in L'azienda


(Dino ed Eugenio Fontana)

Fare spumanti nella terra famosa per il Chianti non è cosa da tutti. Sarà una visione da sempre lungimirante, oppure una scommessa, fatto sta che Tenuta del Buonamico, l’azienda che si trova a Montecarlo, in provincia di Lucca, ha puntato decisamente sulle bollicine, creando una linea molto interessante. 

Eugenio Fontana dal 2008 gestisce insieme al padre Dino la tenuta, presente sul territorio da oltre 50 anni con una storia imprenditoriale di tutto rispetto. Un’azienda storica e solidamente legata al territorio quella presa anni fa dalla famiglia Fontana, ma che  necessitava di una svolta imprenditoriale e di un importante investimento con l’obiettivo di valorizzare una zona vinicola che fa della dimensione ridotta la sua migliore qualità. Montecarlo grazie alla nuova gestione sta vivendo un secondo Rinascimento dopo la fondazione del 1333. I vini di questa zona infatti sono sempre stati considerati tra i migliori d’Italia, al punto che furono serviti al Quirinale, nel 1930, alle nozze tra Umberto I e Maria Josè di Savoia. Fu in quegli anni che la piccola Doc lucchese raggiunse la sua notorietà tra i bianchi, tanto da conquistare il titolo di “Chablis di Montecarlo”.

Terra dunque vocata alla produzione di grandi bianchi e per questo straordinariamente adatta alla produzione di spumante, basta guardare le luccicanti autoclavi orizzontali, realizzate ad hoc per l’azienda, da cui escono le bollicine firmate Tenuta del Buonamico: Particolare Gran Cuvée Brut composto da uve Pinot bianco, Sémillon e Trebbiano toscano, Particolare Brut Rosé realizzato con Sangiovese e Syrah e Inedito Première Cuvée ottenuto da solo Pinot Bianco di diverse annate. Ultimo nato, Inedito Rosè Première Cuvée, quello ottenuto dalle migliori partite delle  basi dello spumante rosè, prodotto da vini di diverse annate ed una parte affinata in tonneaux per circa otto mesi, con l’intento di attribuire più “morbidezza” all’energia dell’anidride carbonica e recuperare l’eleganza, la complessità e la profondità senza trascurare la freschezza tipica degli spumanti.

Si tratta di un piccolo fazzoletto di terra intorno al borgo di Montecarlo, a cavallo tra la Lucchesia e la Valdinievole, quello che da alcuni anni è diventato uno dei territori più seguiti dal mondo del vino. Un terroir enoicamente in ascesa Montecarlo, che vanta un’importante storia di vini bianchi, favoriti da un microclima fresco e molto particolare (vento, colline, zone pedemontane sotto le Apuane, mare che lascia il segno ed allo stesso tempo mitiga) ed un sottosuolo variegato e straordinariamente vocato. 

Si tratta di un areale che già a partire dalla fine del 1800 vanta una storia anomala, qui intraprendenti produttori portarono alcune varietà francesi come Roussane, Semillon, Pinot grigio e Pinot bianco ma anche Mourvedre e Syrah per unirli a varietà localmente più difficili come Malvasia, Trebbiano, Sangiovese, Ciliegiolo e Canaiolo. Queste uve si ambientarono così bene da rivitalizzare sin da subito i vini di Montecarlo per dare loro nuova linfa, le uve francesi si sono così radicate in questo territorio che hanno dato vita a vini da una forte personalità.   

C.d.G.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Michele Rizzo

Agorà ristorante di pesce

Rende (Cs)

1) Capesante alla piastra, broccoli e pomodorini

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search