Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

di Andrea Camaschella

Oggi vi voglio raccontare di un piccolo birrificio che si trova sulla Via Francigena, l’antica via che percorrevano i pellegrini e che collegava Canterbury a Roma (e anche oltre, fino alla Puglia e poi alla terra Santa). 

Un piccolo tratto di storia, passo dopo passo. Probabilmente nella parte italiana del percorso un tempo si beveva ben poca birra, ma a nord delle Alpi sicuramente se ne beveva eccome. Certamente una birra ben diversa da quella cui siamo abituati oggi, ma il metodo produttivo, sicuramente affinato, non è cambiato poi molto. Una visita al birrificio San Gimignano basta per capire che la rivoluzione è alle porte, che finalmente, dopo oltre un secolo di quasi silenzio, durante il quale, al massimo, si sono cambiati i materiali e introdotti un paio di brevetti qua e là, il prossimo passo sarà epocale. Anzitutto per i tempi per portare a termine una cotta, più che dimezzato, per il risparmio, circa un quarto dei consumi in meno, ergo anche più ecologico, per gli sprechi, la resa è davvero notevole. Il tutto grazie alla cavitazione idrodinamica, una tecnologia che permette appunto usare poca energia per generare potenza: io non sono un fisico e non saprei spiegarlo in poche parole, ma qui trovate molte informazioni.

Anche per questo ho la massima stima per Stefano Botto, il birraio e socio fondatore del birrificio San Gimignano, che non solo mi ha dimostrato, bicchiere alla mano, di essere un ottimo birraio, che studia ogni giorno per creare nuove birre e nuove sinergie tra ingredienti anche inconsueti, ma soprattutto si è messo a studiare su come sfruttare al meglio, in un birrificio, questa tecnologia, diventando partner di Cavibeer, fornendo ai due fondatori, Francesco Menguzzo (fisico) e Lorenzo Albanese (agronomo ed enologo), due ricercatori del Cnr, la sua esperienza per far sì che l’impianto sperimentale da 12 ettolitri possa diventare il punto di partenza di questa rivoluzione in campo brassicolo.

Per ora l’impianto è ancora usato a livello sperimentale e sono stati messi a punto i vari passaggi per far sì che a breve possa essere prodotta la prima birra, o meglio, il primo mosto, perché il lievito invece continuerà a fare il suo percorso naturale. Andranno invece in soffitta o nei musei i mulini, visto che non servirà più macinare i grani. Nell’attesa che di San Gimignano si parli per la cavitazione, urge parlare già delle birre, perché sono davvero ben fatte. Non vedo l’ora di poter fare il confronto tra una birra prodotta con la tecnologia tradizionale e una con il nuovo impianto – e ne avrete un riscontro appena possibile – nel frattempo, visto che finalmente è arrivata l’estate,

vi consiglio una Ciuco, birra di una freschezza perfetta per dissetarsi durante la calura estiva, anche di giorno visto il basso tenore alcolico (4% Vol.), con aggiunta di zenzero fresco – che qui rilascia più sapore che piccante - e limone. A detta del birraio stesso mettere limone e zenzero vuol dire vincere facile. Mi permetto di aggiungere che bilanciarli così non è da tutti.

Ultimo consiglio, al volo: se vi piace la cucina etnica o fusion, particolarmente speziata, come accompagnamento consiglio una CruCrù, birra ambrata con aggiunta di radice di curcuma fresca e arancia. Diavolo di un birraio, è riuscito a farmi bere la curcuma – dire che non la amo particolarmente è un eufemismo – e pure a farmela piacere.

Rubrica a cura di Andrea Camaschella e Mauro Ricci

Birrificio San Gimignano srl, Birra Biologica Toscana
via Puccini, 13 - Barberino Val d’Elsa (SI)
Tel: 334 910 4674
Mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Michele Rizzo

Agorà ristorante di pesce

Rende (Cs)

1) Capesante alla piastra, broccoli e pomodorini

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search