Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in La degustazione

di Federico Latteri, Merano (Bz)

La Cantina San Michele Appiano, una delle più importanti realtà produttive dell’Alto Adige, ha presentato, in occasione del 27° Merano Wine Festival, Appius 2014, il bianco di punta della gamma aziendale nato nel 2010 e giunto alla sua quinta edizione. 

E’ un vino - come spiega il winemaker dell’azienda Hans Terzer - che ha l’obiettivo di esprimere ciò che di meglio ogni annata può dare. Altissima qualità, ma anche fedele rappresentazione del millesimo attraverso la cuvée creata secondo la sensibilità e la maestria del kellermeister. Un prodotto unico, sempre diverso, come la sua etichetta che, nel caso del 2014, raffigura la propagazione degli ipertoni, i suoni più nobili che uno strumento può produrre.


(Hans Terzer)

I giornalisti della stampa specializzata hanno potuto degustare e apprezzare per la prima volta questo grande bianco in occasione di una cena organizzata dalla Cantina San Michele Appiano, durante la quale alcuni vini particolarmente rappresentativi sono stati abbinati ai piatti dello chef stellato Herbert Hintner.



In apertura è stato proposto l’Alto Adige Bianco Vino del Centenario, blend di Pinot Bianco, Pinot Grigio e Chardonnay, nato per celebrare i cento anni dalla fondazione avvenuta nel 1907. E’ pulito, fresco, piacevole e dotato di grande bevibilità. Non stanca mai.



Poi è stata la volta dell’Appius 2010, la prima edizione, oggi in splendida forma con un’integrità perfetta che fa immaginare una lunga evoluzione. Elegante e completo, presenta già una buona armonia che il tempo migliorerà ancora.



Il terzo vino della cena è anch’esso nato dalla volontà di Hans Terzer che, durante il lavoro di ricerca mirato a creare la cuvée per l’Appius, ha trovato qualche piccola quantità di vino meritevole, a suo parere, di essere imbottigliato separatamente. Nasce così il Sauvignon The Wine Collection 2015, un bianco unico, fine e complesso. Si caratterizza per la morbidezza e le note fruttate che sono più evidenti di ciò che di solito riscontriamo nei vini a base di Sauvignon, dove c’è una predominanza di sentori vegetali. Lunghissima la persistenza e notevoli le potenzialità evolutive.



Il momento clou è la presentazione dell’Appius 2014. E’ figlio di un’annata particolare, difficile a causa dei lunghi periodi di pioggia. Proprio per questo motivo il risultato è originale, probabilmente irripetibile. Il blend è stato fatto con 65 % di Chardonnay, 8 % di Pinot Bianco, 15 % di Pinot Grigio e 12 % di Sauvignon. Al naso presenta sentori di frutta secca, nocciola in particolare e caramello, poi comincia a venir fuori una nota di foglia di bosso. Segue un sorso morbido, intenso, equlibrato e persistente. Sarà interessante seguirlo nel tempo. L’obiettivo di avere un vino che sia specchio del millesimo è raggiunto, un’altra edizione che si aggiunge alle precedenti costituendo una “wine collection” che sarà fonte di piacere  e di interesse per tutti gli appassionati.



Alla fine della serata il dessert è stato accompagnato dal Gewurztraminer passito Comtess 2017.    

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Michele Rizzo

Agorà ristorante di pesce

Rende (Cs)

2) Carbonara di alici

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search