Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in La birra della settimana il 02 Dicembre 2018
di C.d.G.

di Andrea Camaschella

Almond ’22 è un birrificio storico del panorama artigianale italiano, conosciuto in Italia, in Europa e negli Stati Uniti, dove esporta da molti anni.

Nel 2003, quando iniziò la produzione, non fu il primo birrificio in Abruzzo, ma è oggi il più “antico” ancora in attività. Il nome Almond, mandorla in inglese, è dovuto alla prima sede, dove dal 1922 si lavoravano le mandorle. Jurij Ferri, fondatore e tutt’oggi mastro birraio, è stato fonte di ispirazione e maestro di molti futuri birrifici. La mano di Jurij è cambiata, negli oltre 15 anni di attività. Il passaggio più evidente e significativo è avvenuto sei o sette anni fa: le birre hanno perso la tipica rusticità per diventare morbide, rotonde, eleganti. Ecco, l’eleganza è proprio il filo conduttore delle birre made in Almond e anche l’ultima nata, benché ancora non sul mercato ufficialmente, che Jurij ha voluto dedicare alla figlia, è un Barley Wine, anzi in questo caso, vista la dedica, concedo che sia una barley wine, al femminile. La Oak essenze è ispirata alle birre da meditazione inglesi, con un’aggiunta di miele e un passaggio in botte di legno (di quercia, oak appunto).


(Jurij Ferri e un'altra delle sue passioni)

Ed eccola finalmente, nel suo bicchiere da cognac, di colore mogano scuro, con riflessi ramati, la schiuma, beige scuro, evanescente, che gli 11,5% Vol. di alcool non aiutano a sviluppare. Il bouquet è, appunto, eleganti: frutti rossi, toffee, caramello, brûlé, mosto cotto, cuoio, fumé, frutta secca tostata creano un bouquet intrigante che invoglia al sorso. All’assaggio è rotonda, dal corpo pieno e liquoroso nonostante l’affinamento in legno, qualche nota di tannino è presente ma ben integrata. Il passaggio è dolce e suadente, con un finale lievemente salato, quasi salmastro, per poi sfogarsi nel lungo retrogusto dove appare una piacevole quanto lieve nota di torba oltre a quanto già percepito prima dall’olfatto.

Birra buona già ora, ma che promette faville in un lungo affinamento in bottiglia: il consiglio è di dimenticarne qualche bottiglia in cantina. Ora non resta che aspettare che esca sul mercato, speriamo molto presto.

Rubrica a cura di Andrea Camaschella e Mauro Ricci

Almond 22
Contrada Remartello, 47 - Remartello (Pe)
T. 085 820 8154
www.birraalmond.com


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search