Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in La novità il 28 Dicembre 2018
di C.d.G.


(ph Ansa)

Le mani nei campi e gli occhi sullo schermo di un computer. La cantina Siddùra a Luogosanto in provincia di Olbia-Tempio viaggia al passo coi tempi, ma soprattutto col tempo, nello specifico quello meteorologico. 

Il vino del futuro nasce nelle campagne della Gallura, e deve sempre di più fare i conti con gli effetti del riscaldamento globale: piogge copiose e improvvisa siccità, gelate, alluvioni e temperature impazzite. Il vino così si costruisce grazie a sistemi avanzati, come la stazione meteo creata in casa dalla cantina, capace di mappare e prevedere le variazioni climatiche della settimana, non più basandosi sui fallaci modelli previsionali dei siti web. L'idea è quella di trasformare i mutamenti climatici in vantaggi, prevenire i rischi di malattia della pianta e usufruire di un sistema di supporto per affrontare eventuali situazioni limite. Secondo recenti studi, realizzati in Francia, cambierà anche il gusto di alcuni vini e Siddùra è pronta a questa nuova sfida.

"Il lavoro di mappatura che già da qualche anno impegna Siddùra con lo studio dei microrganismi presenti nel suo terroir, ci ha confermato come l'analisi del microclima sarà sempre più importante nella previsione del cambiamento delle zone climatiche - spiega all'Ansa Massimo Ruggero, amministratore delegato della cantina - Siddùra si è dotata di un sistema di controllo meteorologico che consente di studiare il microclima, compresa la misurazione delle escursioni termiche che incidono sulla qualità dei vini. Il sistema influisce anche sulla prevenzione dei trattamenti fitosanitari: le temperature e il grado di umidità incidono sullo sviluppo delle nevrosi in campo. La stazione capta questi mutamenti e suggerisce all'agronomo il trattamento adeguato".

"Già con il sistema "Piante che parlano" abbiamo adottato una strumentazione che ci consente di monitorare lo stato idrico del suolo e il fabbisogno d'acqua della pianta in base alle mutanti condizioni climatiche - sottolinea Luca Vitaletti, agronomo di Siddùra - Poi c'è la stazione meteo con la quale giornalmente valutiamo l'area di lavoro sui vitigni, visualizzando le previsioni giornalmente e nell'arco della settimana".

C.d.G.


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search