Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in L'iniziativa il 25 Gennaio 2019
di C.d.G.


(Vincenzo Cusumano)

Un paradosso: i soldi per pagare gli stipendi ci sono, ma i conti dell'ente sono pignorati e quindi la Regione siciliana non può versare le spettanze necessarie a saldare i dipendenti.

Intanto la notizia: i dipendenti dell'Istituto regionale vini e oli di Sicilia incroceranno le braccia il 28 gennaio. Non è la prima volta che accade, ma di per sé è una cosa che fa rumore. Anche se il direttore dell'Irvo, Vincenzo Cusumano, ha voluto ringraziare i dipendenti per il loro senso di appartenenza all'istituto, perché "nonostante tutte le difficoltà e i fatti che conoscete non si sono mai tirati indietro sulle cose da fare, anche senza percepire lo stipendio". Quello del 28 gennaio è più che altro un segnale. Perché gli stessi dipendenti conoscono la situazione ingarbugliata e complessa che si è venuta a creare per il contenzioso tra l'Irvo e VeronaFiere. In ballo un debito da 3,3 milioni di euro. E per questo VeronaFiere ha chiesto ed ottenuto il pignoramento dei conti dell'Irvo. Ma questo non ha fatto altro che peggiorare le cose. Perché adesso per l'Irvo è impossibile effettuare qualsiasi movimento di denaro. Anche quello di pagare il debito stesso con VeronaFiere.

"E' una situazione difficile - spiega Cusumano - Loro chiedono garanzie, noi siamo disposti a dargliele, perché abbiamo sempre detto che avremmo pagato tutto entro il prossimo 28 febbraio. Ci sono contatti avviati, stanno discutendo da più parti, dobbiamo cercare di venirne a capo nel più breve tempo possibile". Insomma questa cosa la può sbloccare solo VeronaFiere. Ma anche se accettasse di togliere il pignoramento, ci vorrebbe comunque del tempo perché tutto torni alla normalità. Non è facile. Intanto arriva una notizia posivita: l'Irvo continua a far calare i debiti storici. Ora sono "solo" 4,3 milioni di euro i soldi che l'Irvo deve. Ma il disavanzo è stato fatto scendere di oltre 5,4 milioni di euro. Un risultato notevole.

C.d.G.


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Felice Sgarra

Casa Sgarra

Trani (Bt)

1) Insalata d'amare

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search