Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in vino-settimana
Di C.d.G.

di Gianni Paternò

Franco Dell’Erba da oltre 35 anni ad Apricena, nel foggiano, cava l’omonimo pregiato marmo del luogo che costituisce il secondo polo marmifero nazionale. 

Possiede anche un’azienda agricola da quasi mille ettari dove si coltivano cereali, ortaggi, ulivi e, da 15 anni, anche viti. Lo affianca in questa impegnativa impresa il figlio Pasquale, 39 anni, che è diventato il titolare. Ci sono Nero di Troia, Bombino, Moscato, Falanghina oltre ad internazionali e, dallo scorso anno, Primitivo e Chardonnay. Sono 52 ettari, sempre ad Apricena, quindi in un terreno ricchissimo di calcare che è stato rotto anche con il martello pneumatico per impiantarvi i vigneti, a quote che vanno dai 60 ai 200 metri in un territorio al centro dei Monti del Gargano, del Tavoliere di Foggia e del Lago di Lésina, limitrofo al mare.


(Sullo sfondo il lago di Lésina e le Tremiti)

Per i primi anni si vendevano le uve, ma accorgendosi che così a stento si riprendevano le spese, nel 2013 si realizzò una moderna cantina che comprende sala di degustazione, grande showroom con cucina annessa, punto vendita e nacque il marchio.


(La bottaia)

Un’agricoltura tradizionale che ammette i trattamenti solo quando strettamente necessari, potatura verde e diradamenti tra luglio e agosto per ridurre la quantità di uva, migliorandone così la qualità. Essendo un marchio nuovissimo, la produzione è di 100 mila bottiglie, ma in forte crescita, con l’estero che già arriva al 40%. Il resto è venduto in confezionamento per la grande distribuzione e sfuso localmente.


(Franco Dell'Erba)

Biagio Cruciani affianca i Dell’Erba da jolly, occupandosi della campagna e della commercializzazione non disdegnando un impegno anche nel marmo; enologo Ciro Spadone che ha conseguito la laurea specialistica a Torino. Le etichette sono 9 e nel prossimo anno se ne aggiungeranno altre 2. Degustiamo il Nero di Troia Igp, dei 2 quello che riporta in etichetta l’effigie di un’antichissima moneta longobarda dove al centro c'è una croce che indica il nome "Sico", il top. Il Nero di Troia è antichissimo ed ha origine greche. Un vitigno dall’acino grosso e dalla maturazione più tarda rispetto agli altri rossi pugliesi. Nel passato anche recente non si sapeva vinificare quindi dava vini di grande struttura, ma di pochi profumi, oggi invece si è riusciti a tirarne fuori le notevoli potenzialità per cui diventa sempre più diffuso.


(Il Nero di Troia) 

La vendemmia da fine settembre a metà ottobre, subito in cantina che dista poche centinaia di metri, pigiadiraspatura e fermentazione con lieviti selezionati fino a 14 giorni, un mese sempre in acciaio sulle fecce e 2 travasi a temperatura bassa per non far partire la fermentazione malolattica, poi dal 10 al 20% va in barrique nuove, il resto in acciaio e nei relativi contenitori si sviluppa la malolattica; un anno di affinamento. Riunite le masse si chiarifica e si filtra ed in bottiglia per altri nove mesi. Solfiti totali al di sotto di 90 milligrammi per litro, quindi pochi.

Nel calice il colore è rubino tendente al viola. All’olfatto si esprime su note terziarie, con una complessità ed un rigore da vino che avrebbe fatto molto più legno. Pulitissimo, intenso, raffinato, svela tante spezie, foglie di tabacco, salvia, aghi di pino su un fondo di prugne e more. Al palato arriva fresco, rallegrato dalla balsamicità che si sposa ai tannini presenti morbidamente, a una corretta acidità; è armonioso, intenso e di corposa struttura anche se l’alcol sembra inizialmente non avvertirsi nella sua potenza, un retrolfatto molto lungo che fa affiorare i sentori terziari. Un magnifico Nero di Troia, di un vitigno a torto finora trascurato, capace di dare risultati splendidi anche se per ottenerli alla fine non ci vuole molto. Un’interessante scoperta.

Abbiniamolo a piatti gustosi: rigatoni con salsiccia e finocchietto selvatico, brasato, salsiccia al sugo, caciocavallo podolico. Sono 18 mila bottiglie che trovate allo scaffale a 13 euro.

Rubrica a cura di Salvo Giusino 

Cantine Le Grotte
S.P. Apricena-San Nazario km 4,00
tel. 0882 642321
71011 Apricena (Fg)
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.cantinelegrotte.it
 


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

GLI APPUNTAMENTI

LE RICETTE DEGLI CHEF

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search