Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Cosa bevo
di Redazione

Prodotto in Francia è un Sauvignon Blanc profumato e morbido. Ottimo con i crostacei

Silex,
costoso e grandissimo bianco


getlabel.jpgPer smentire chi crede che dal sauvignon blanc non possano derivare vini di grande complessità e finezza basta fare un salto nella parte più orientale dei vigneti centrali francesi, nella piccola cittadina di Pouilly-sur-Loire e nei sei comuni circostanti, dove con l’appellation Blanc Fumé de Pouilly (o anche semplicemente Pouilly Fumé) A.O.C. questo vitigno si esprime al massimo delle sue potenzialità, e il vino che ne deriva assume una tipicità e una riconoscibilità che non si riscontrano in altre parti del mondo, dove (con la sola eccezione forse di Marlborough, nell’isola meridionale della Nuova Zelanda) prevalgono sauvignon profumati e di immediata soddisfazione.
A Saint-Audelain Didier Dagueneau produce i migliori vini di questa tipologia, e tra essi spicca il Silex, un bianco secco che ha poco da invidiare ai più celebrati Chardonnay e Riesling.
Di un colore giallo paglierino carico, all’esame visivo fa presagire una grande stoffa osservando gli archetti pronunciati, che denotano inoltre un buon tenore alcolico.
Al naso dimostra una grande intensità aromatica, che gli deriva dalla macerazione pellicolare prefermentativa, cioè dal contatto del mosto con le bucce per facilitare la diffusione degli aromi varietali. La tipica acidità del sauvignon blanc si avverte con immediatezza, ma non punge e soprattutto non sovrasta i caratteristici profumi erbacei e di uva spina, che si mescolano all’odore di pietra focaia che proviene dal terreno siliceo proprio della zona (da cui l’aggettivo fumé). Continuando ad annusare si avvertono note di agrumi, di fiori di sambuco e di peperone verde.
Ma è in bocca che questo vino sorprende veramente, scorrendo morbido e pieno ma allo stesso tempo delicato ed equilibrato, con una persistenza davvero notevole, impensabile per un sauvignon e che in parte discende dalla breve fermentazione in piccole botti di legno nuovo. L’acidità è sempre ben presente, ma con discrezione, e anche il tenore alcolico fa capolino in deglutizione, senza però sovrastare il frutto, sempre ben maturo e presente.
Il Silex si accompagna egregiamente a tutti i crostacei, anche molto saporiti.
Non è certo un vino di tutti i giorni, costando in enoteca intorno ai 100 euro, ma semel in anno…….

Gaspare Mazzara

Prodotto in Francia è un Sauvignon Blanc profumato e morbido. Ottimo con i crostacei

Silex,
costoso e grandissimo bianco


getlabel.jpgPer smentire chi crede che dal sauvignon blanc non possano derivare vini di grande complessità e finezza basta fare un salto nella parte più orientale dei vigneti centrali francesi, nella piccola cittadina di Pouilly-sur-Loire e nei sei comuni circostanti, dove con l’appellation Blanc Fumé de Pouilly (o anche semplicemente Pouilly Fumé) A.O.C. questo vitigno si esprime al massimo delle sue potenzialità, e il vino che ne deriva assume una tipicità e una riconoscibilità che non si riscontrano in altre parti del mondo, dove (con la sola eccezione forse di Marlborough, nell’isola meridionale della Nuova Zelanda) prevalgono sauvignon profumati e di immediata soddisfazione.
A Saint-Audelain Didier Dagueneau produce i migliori vini di questa tipologia, e tra essi spicca il Silex, un bianco secco che ha poco da invidiare ai più celebrati Chardonnay e Riesling.
Di un colore giallo paglierino carico, all’esame visivo fa presagire una grande stoffa osservando gli archetti pronunciati, che denotano inoltre un buon tenore alcolico.
Al naso dimostra una grande intensità aromatica, che gli deriva dalla macerazione pellicolare prefermentativa, cioè dal contatto del mosto con le bucce per facilitare la diffusione degli aromi varietali. La tipica acidità del sauvignon blanc si avverte con immediatezza, ma non punge e soprattutto non sovrasta i caratteristici profumi erbacei e di uva spina, che si mescolano all’odore di pietra focaia che proviene dal terreno siliceo proprio della zona (da cui l’aggettivo fumé). Continuando ad annusare si avvertono note di agrumi, di fiori di sambuco e di peperone verde.
Ma è in bocca che questo vino sorprende veramente, scorrendo morbido e pieno ma allo stesso tempo delicato ed equilibrato, con una persistenza davvero notevole, impensabile per un sauvignon e che in parte discende dalla breve fermentazione in piccole botti di legno nuovo. L’acidità è sempre ben presente, ma con discrezione, e anche il tenore alcolico fa capolino in deglutizione, senza però sovrastare il frutto, sempre ben maturo e presente.
Il Silex si accompagna egregiamente a tutti i crostacei, anche molto saporiti.
Non è certo un vino di tutti i giorni, costando in enoteca intorno ai 100 euro, ma semel in anno…….

Gaspare Mazzara

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

GLI APPUNTAMENTI

LE RICETTE DEGLI CHEF

Maurizio Albarello
Trattoria Antica Torre
Barbaresco (Cn)

Stefano Mazzone

Grand Hotel Quisisana

Capri (Na)

2) Tortelli di cipolle al burro di acciughe e pecorino

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search