Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Contributors

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano

Roberto Chifari

Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco

Annalucia Galeone
Federica Genovese

Clarissa Iraci

Francesca Landolina

Federico Latteri
Irene Marcianò

Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi

Clara Minissale

Fiammetta Parodi

Geraldine Pedrotti

Stefania Petrotta

Michele Pizzillo

Fabiola Pulieri
Enzo Raneri

Mauro Ricci
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita

Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione
eventi
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Cosa leggo il 10 Gennaio 2008
di Emanuele Di Bella
    COSA LEGGO

La Sicilia a tavola vista dall’Inghilterra

seasons_sicily.jpgUn volume in inglese per raccontare la cucina siciliana. La scommessa è firmata da Natalia Ravidà Spatafora che ha pubblicato “Seasons of Sicily” con la New Holland, distribuito in Inghilterra, Australia e Sud Africa 8sito: www.newhollandcom.au). Il volume sotto Natale è sbarcato su Amazon.com e ha venduto un bel numero di copie, segno la cosiddetta cucina mediterranea tira, eccome. Ma cosa spinge una giornalista a tradurre in inglese le ricette di casa? “Questo libro è nato più di dieci anni fa – racconta questa ‘signora dell’olio’ che cura l’azienda di famiglia che commercializza il suo prodotto d’alta classe solo all’estero – : ero giornalista per la BBC a Londra e cucinavo per gli amici, recuperando certe ricette che facevano parte dei ricordi di famiglia”. All’estero è difficile parlare di tradizione, sapori, odori legati alla storia: gli inglesi rimasero colpiti da questa giovane signora bionda che rimpiangeva i pomodori spiegando che la salsa più buona si fa in agosto, quando la terra è riarsa e dà poca acqua e i pomodori diventano polposi e dolci Dopo dieci anni e tante ricette, oggi Natalia Ravidà vive in Sicilia: da qui il manoscritto ha preso il volo per l’Australia dove la New Holland ha sposato l’idea e inviato un fotografo specializzato, Nigel Noyes, per raccontare visivamente i piatti. Natalia cucinava e Nigel scattava, un’ora a piatto: è nato il libro, appunto diviso in stagioni. “Perché da noi esistono ancora le verdure e i piatti legati ai periodi dell’anno”, spiega Natalia. Ogni foto, ogni ricetta accende un ricordo. C’è una Sicilia bella, dentro, attenta agli odori di una volta, ai piatti che nascono dalle mani e non dal frullatore. Così la pasta con l’olio e il pecorino, o l’uovo al tegamino o ancora la verdura condita (con l’olio nuovo, quello novembrino) scorrono accanto al ragù di maiale (di casa Ravidà), all’insalata di finocchi, olive nere e arance, alla minestra con la zucchina lunga.


Simonetta Trovato
    COSA LEGGO

La Sicilia a tavola vista dall’Inghilterra

seasons_sicily.jpgUn volume in inglese per raccontare la cucina siciliana. La scommessa è firmata da Natalia Ravidà Spatafora che ha pubblicato “Seasons of Sicily” con la New Holland, distribuito in Inghilterra, Australia e Sud Africa 8sito: www.newhollandcom.au). Il volume sotto Natale è sbarcato su Amazon.com e ha venduto un bel numero di copie, segno la cosiddetta cucina mediterranea tira, eccome. Ma cosa spinge una giornalista a tradurre in inglese le ricette di casa? “Questo libro è nato più di dieci anni fa – racconta questa ‘signora dell’olio’ che cura l’azienda di famiglia che commercializza il suo prodotto d’alta classe solo all’estero – : ero giornalista per la BBC a Londra e cucinavo per gli amici, recuperando certe ricette che facevano parte dei ricordi di famiglia”. All’estero è difficile parlare di tradizione, sapori, odori legati alla storia: gli inglesi rimasero colpiti da questa giovane signora bionda che rimpiangeva i pomodori spiegando che la salsa più buona si fa in agosto, quando la terra è riarsa e dà poca acqua e i pomodori diventano polposi e dolci Dopo dieci anni e tante ricette, oggi Natalia Ravidà vive in Sicilia: da qui il manoscritto ha preso il volo per l’Australia dove la New Holland ha sposato l’idea e inviato un fotografo specializzato, Nigel Noyes, per raccontare visivamente i piatti. Natalia cucinava e Nigel scattava, un’ora a piatto: è nato il libro, appunto diviso in stagioni. “Perché da noi esistono ancora le verdure e i piatti legati ai periodi dell’anno”, spiega Natalia. Ogni foto, ogni ricetta accende un ricordo. C’è una Sicilia bella, dentro, attenta agli odori di una volta, ai piatti che nascono dalle mani e non dal frullatore. Così la pasta con l’olio e il pecorino, o l’uovo al tegamino o ancora la verdura condita (con l’olio nuovo, quello novembrino) scorrono accanto al ragù di maiale (di casa Ravidà), all’insalata di finocchi, olive nere e arance, alla minestra con la zucchina lunga.


Simonetta Trovato

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Felice Sgarra

Casa Sgarra

Trani (Bt)

3) Melanzana con burrata d’andria e gelato al pomodoro

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search