Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Dove mangio il 04 Marzo 2019
di C.d.G.

Lo chef dello Shalai ha rivoluzionato il menu del ristorante stellato: ed è un viaggio sublime tra sapori e profumi del Vulcano e del mare


(Giovanni Santoro)

di Giorgio Vaiana, Linguaglossa (Ct)

Lo chef Giovanni Santoro, dello Shalai, ristorante stellato a Linguaglossa in provincia di Catania, non smette di stupire.

La sua crescita, esponenziale, ormai è sotto gli occhi di tutti. E lo dimostra con il nuovo menu del ristorante gestito dalla famiglia Pennisi: un mix perfetto tra mare e vulcano, tra sapori della tradizione e innovazione. Giovanni "vola" tra i sapori del mare, con polpo, gamberi e caviale grandi protagonisti, per tornare ai piedi del vulcano, con la carne della zona, i formaggi, le verdure, i funghi e il tartufo. I piatti di Giovanni convincono perché sono buoni; lo chef osa il giusto, senza mai strafare. Tiene d'occhio l'equilibrio dei sapori con maestria, inserisce il sapore "wow" solo quando è necessario e cerca sempre di valorizzare l'ottima materia prima che seleziona appositamente. Per avere un'idea della nuova cucina di Giovanni, vi consigliamo di provare un menu degustazione e far fare allo chef. Segnalate solo le intolleranze. Non preoccupatevi del resto. Così facciamo anche noi.


(Polpo e patate - Santoro)

Si inizia con un polpo cotto a bassa temperatura su una crema di patate e chutney di cipolla rossa con nocciole tostate. Semplicità e goduria allo stato puro. 


(Crudo di gamberi - Santoro)

Si prosegue poi con una novità: crudo di gamberi, crema di burrata, caviale nero di storione su una salsa di pomodoro. E' il nostro piatto preferito. Acidità del pomodoro, dolcezza del gambero, sapidità del caviale: non manca nulla. Da mangiare e rimangiare. 


(Vitellina al coltello - Santoro)

Poi un must dello Shalai: la vitellina a punta di coltello con fonduta ai formaggi e bacche di ginepro. Il piatto viene servito chiuso da una cloche che viene aperta sotto al naso del cliente. Si sprigiona l'affumicatura agli aghi di pino e si viene proietati in mezo ad un bosco. Non sembra nemmeno di mangiare carne cruda. 


(Minestra di crostacei - Santoro)

Si passa ai primi con una minestra di spaghettoni artigianali ai crostacei. Alta scuola. I sapori sono perfettamente distinguibili. 


(Tortello ripieno - Santoro)

Poi un tortello di pasta fresca ripieno di stracotto all'anatra e castagne "annegato" nel fondo di cottura (delizioso) e condito con tartufo nero di Palazzolo Acreide. Non per tutti. 


(Filetto e verdure - Santoro)

Arriva il momento del filetto. Cottura perfetta, morbidissimo e succoso, accompagnato da verdure cotte al barbecue. Un ricordo delle scampagnate in famiglia. 


(Volevo essere una mela cotta - Santoro)

Tra i dolci, Giovanni gioca con la tradizione e le materie prime della zona. Simpatica e originale "Volevo essere una mela cotta", una bavarese alla mela accompagnata da una golosa spuma alla mandorla. 


(Il cannolo secondo Shalai - Santoro)

Poi il cannolo alla ricotta secondo Shalai, una sorta di millefoglie realizzata con la scorza del cannolo, fatta artigianalmente, e deliziosi strati di ricotta fresca. Completano tutto la granella di pistacchi e la frutta candita. 

In sala il servizio è attento e professionale ed è guidato da Dario De Salvo. Fidatevi ciecamente dei suoi consigli per l'abbinamento dei vostri piatti ai vini. A noi ha stupito con un Marsala riserva 2002 abbinato alla minestra di crostacei. I prezzi sono adeguati alla qualità proposta. 

Shalai
Via Guglielmo Marconi, 25 - Linguaglossa (Catania)
T. 095 643128
www.shalai.it
Aperto solo a cena, escluso sabato e festivi. Gradita la prenotazione
Ferie: variabili, ma in inverno
Carte di credito: tutte
Parcheggio: sì


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Antonio Zaccardi

Pashà Ristorante

Conversano (Ba)

3) Animelle, fagiolini e tartufo

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search