Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Il vino della settimana
di Redazione

Nero d’Avola e Frappato.

Una giovane azienda che nasce  nel 2000 quando Vincenzo Galioto ed i generi Francesco Scibona e Giuseppe D’Amaro comprano un vasto appezzamento di oltre 120 ettari di cui 82 di agrumeti nella contrada Macconi in agro di Acate (Rg). I tre si occupano di agrumi con una cooperativa in Bagheria (Pa) per cui l’interesse primario dell’acquisto sono proprio le arance, i limoni e i mandarini che vi si producono. Questa tenuta, circondata da un fitto insediamento di serre, era nelle vicinanze dei vigneti di importanti cantine, indice della vocazione viticola della zona, per cui nel 2006 viene spontaneo impiantare 13 ettari di cui 8 a spalliera allevata a cordone speronato di Nero d’Avola e il resto a Guyot di Frappato. Sono terreni sabbiosi ricchi di scheletro ghiaioso a circa 50 metri di altitudine e a 500 dal mare.

Il primo anno di produzione è il 2009 con un totale di 12.000 bottiglie di Don Vicè e di Nero d’Avola. In un mercato affollato come quello italico non è facile per una nuova azienda vendere il suo prodotto, per fortuna è stato più semplice trovare spazio all’estero, negli USA in particolar modo. Oggi la produzione venduta è di 25.000 bottiglie in 5 etichette, oltre alle 2 suddette un bianco, un rosato e un rosso da Frappato. Il resto è venduto come uva che sarebbe certificata biologica ma visto l’assurdità di molte norme non è più possibile riportarlo in etichetta. Francesco si occupa principalmente dell’uva e del vino coadiuvato dalla moglie Linda che si dedica alla commercializzazione.


Nero d'Avola

Il Don Vicè, che dal nome vuole essere un omaggio al suocero, è fatto per il 60% di Nero d’Avola e per il resto di Frappato da vigneti che ricadono nella zona della DOCG Cerasuolo di Vittoria che però non può essere denominato in quanto la vinificazione e il confezionamento avvengono fuori dal territorio. Infatti l’azienda non ha una cantina propria e si serve della consulenza dell’enologo Angelo Alescio utilizzando le strutture in cui Angelo lavora. In futuro si aderirà alla DOC Sicilia.

Le uve sono vinificate separatamente in maniera classica con una macerazione di parecchi giorni. Alla fine della fermentazione con lieviti selezionati circa il 20% affina per 8 mesi in barriques di secondo passaggio. Le masse poi unite riposano per altri 4 mesi in acciaio per poi andare in bottiglia dove rimangono a lungo. Interessante il tappo in speciale resina siliconica che garantisce almeno il 70% di permeabilità di un buon tappo di sughero monopezzo.

Nel calice il colore è rosso rubino discretamente intenso. All’olfatto liquirizia e pepe nero assieme a note vegetali, di frutti rossi e continuando a dargli aria vengon fuori il cioccolato e il caffè. Sono equilibrati sentori cupi, intensi, da vino strutturato che ha raggiunto la sua maturità. Al gusto arriva con un’inaspettata freschezza dovuta ad una giusta acidità accompagnata da setosi tannini. Armonico, fragrante, corposo ed intenso oltre i suoi 13 gradi, con un lieve sapore amarognolo ed un retrogusto molto lungo. Vino che ha scalato il suo apice dove promette di mantenersi per altri anni.
 
Abbiniamolo con rigatoni al ragout di salsiccia, polpette al sugo, frittata con asparagi, formaggio ragusano di media stagionatura. Sono 6.000 bottiglie che potreste trovare ad 11 euro.

Tenuta Macconi
Contrada Macconi
S.P. 31 Gela-Scoglitti
90027 Acate (Rg)
tel. 3803065601 – 3477305440
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.tenutamacconi.it





Recensioni
di Gianni Paternò

Rubrica a cura di  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

GLI APPUNTAMENTI

LE RICETTE DEGLI CHEF

Maurizio Albarello
Trattoria Antica Torre
Barbaresco (Cn)

Stefano Mazzone

Grand Hotel Quisisana

Capri (Na)

2) Tortelli di cipolle al burro di acciughe e pecorino

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search