Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi

Andrea Camaschella

Marina V. Carrera

Sofia Catalano

Roberto Chifari

Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco

Annalucia Galeone

Federica Genovese

Clarissa Iraci

Francesca Landolina

Federico Latteri

Irene Marcianò

Bianca Mazzinghi

Alessandra Meldolesi

Clara Minissale

Fiammetta Parodi

Geraldine Pedrotti

Stefania Petrotta

Michele Pizzillo

Fabiola Pulieri

Enzo Raneri

Mauro Ricci

Emanuele Scarci

Marco Sciarrini

Sara Spanò

Giorgia Tabbita

Fosca Tortorelli

Maristella Vita

Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Il vino della settimana il 16 Dicembre 2017
di C.d.G.

di Federico Latteri

Tenuta Sant’Antonio nasce per iniziativa dei fratelli Armando, Tiziano, Paolo e Massimo Castagnedi. I quattro, spinti da una forte passione per le vigne e per la propria terra, nel 1989 acquistano una proprietà che sarà il punto di inizio per un’azienda che oggi possiede circa 100 ettari di vigneti e produce 700 mila bottiglie l’anno. 

Siamo in provincia di Verona, nei territori  dai quali provengono alcuni dei vini più importanti del nostro Paese, l’Amarone, il Valpolicella e il Soave. La filosofia produttiva di questa cantina è molto chiara: puntare all’alta qualità attraverso metodologie di lavoro che siano sempre più naturali. Questo viene ottenuto non solo con l’eliminazione dei prodotti chimici, ma anche con una serie di ragionati accorgimenti messi in atto in ogni fase, dalla vigna alla cantina. Così sarà possibile avere vini sani di grande personalità strettamente legati al terroir. I concimi di origine animale sono stati sostituiti con un compost vegetale, è favorito l’inerbimento, l’impiego di rame e zolfo è fortemente ridotto e si fa ricorso alla confusione sessuale per la lotta contro gli insetti. Si utilizzano esclusivamente lieviti selezionati da uve di propria produzione e nutriti con alimenti organici.


(I fratelli Castagnedi)

Un ulteriore passo in avanti è stato fatto con il progetto Télos che è nato con lo scopo di realizzare vini secondo un rigido protocollo, senza l’uso di solfiti, al fine di ottenere qualcosa che rappresenti un’espressione pura, diretta e, nello stesso tempo, salutare e di ottimo livello. Grande attenzione è rivolta alla ricerca scientifica nel segno dei progressi orientati a favorire la sostenibilità ambientale. Recentemente Tenuta Sant’Antonio ha promosso il convegno “Alla scoperta del futuro del vino: tra varietà resistenti e nuovi modelli di viticoltura” durante il quale è stata messa in evidenza l’importanza della sperimentazione per lo sviluppo di tecniche di coltivazione e di vinificazione sempre più rispettose della salute degli operatori e dei consumatori.


(I vigneti di Tenuta Sant'Antonio)

La gamma delle etichette commercializzate è composta da diverse referenze che possono essere divise in tre linee: quella più classica della quale fanno parte il premiatissimo Amarone della Valpolicella Campo dei Gigli, l’Amarone della  Valpolicella Riserva Lilium Est, il Valpolicella Superiore Ripasso Monti Garbi, il Soave Vecchie Vigne e altri interessanti vini, la linea Scaia, costituita da prodotti innovativi, freschi e piacevoli e la già citata Télos. Di quest’ultima fanno parte Télos Il Bianco, un Valpolicella Superiore denominato Télos Il Rosso e Télos L’Amarone.


(La bottaia di Tenuta Sant'Antonio)

Originale e un po’ fuori dagli schemi Il Bianco 2016 da noi degustato. E’ fatto con Garganega per l’80 % più un 20 % di Chardonnay. La pressatura soffice delle uve avviene in totale assenza di ossigeno, non vengono aggiunti solfiti e l’affinamento si svolge in acciaio. Versato nel calice, mostra un colore giallo dorato chiaro. E’molto intenso al naso con profumi di erbe aromatiche tra cui spicca la salvia, poi una nota di ruta in sottofondo e sentori agrumati che completano un quadro di buona complessità.

Segue un sorso abbastanza fresco, ben strutturato e dotato di ottima corrispondenza con l’olfatto. Le sensazioni leggermente mielate che si registrano al palato contribuiscono ad arricchire il sapore che è equilibrato e mai eccessivo. Accompagna bene i formaggi freschi, le preparazioni a base di pesce di media consistenza, le verdure e tantissimi primi piatti. Da provare l’abbinamento con le lumache. Si trova sugli scaffali delle enoteche al prezzo di 12 euro.

Rubrica a cura di Salvo Giusino

Tenuta Sant’Antonio
Via Ceriani, 23
37030 Colognola ai Colli (Vr)
Tel. +39  045 7650383
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.tenutasantantonio.it


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Felice Sgarra

Casa Sgarra

Trani (Bt)

3) Melanzana con burrata d’andria e gelato al pomodoro

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search