Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi

Andrea Camaschella

Marina V. Carrera

Sofia Catalano

Roberto Chifari

Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco

Annalucia Galeone

Federica Genovese

Clarissa Iraci

Francesca Landolina

Federico Latteri

Irene Marcianò

Bianca Mazzinghi

Alessandra Meldolesi

Clara Minissale

Fiammetta Parodi

Geraldine Pedrotti

Stefania Petrotta

Michele Pizzillo

Fabiola Pulieri

Enzo Raneri

Mauro Ricci

Emanuele Scarci

Marco Sciarrini

Sara Spanò

Giorgia Tabbita

Fosca Tortorelli

Maristella Vita

Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Il vino della settimana il 03 Marzo 2018
di C.d.G.

di Federico Latteri

Basta il nome per rievocare i colori e i profumi della Sicilia: Feudo Arancio è, forse, tra le realtà vitivinicole più conosciute e apprezzate dell’Isola. 

Due le tenute in due territori così diversi tra loro, ma in grado di dare ottimi vini. Nel 2001 la prima cantina a Sambuca di Sicilia, in provincia di Agrigento, con 280 ettari, 220 di questi vitati. Nel 2003 la seconda tenuta, ad Acate in provincia di Ragusa, di ben 690 ettari, di cui 420 vitati. Importante è la differenza di altitudine tra i due vigneti. A Sambuca altezze comprese tra 200 e 360 metri; mentre ad Acate i vigneti non superano mai i 100 metri di altezza.

Ma, in entrambi i casi, viene coltivata una sapiente combinazione di varietà autoctone (Nero d’Avola, Grillo ed Inzolia) ed internazionali (Syrah, Merlot, Cabernet Sauvignon, Viognier e Chardonnay), allevate a controspalliera e potate a cordone speronato o a guyot. Da anni, ormai, Feudo Arancio punta tutto sull’ecosostenibilità. Ed infatti viene utilizzata la lotta integrata in campo (confusione sessuale) e la gestione “naturale” dei terreni tramite inerbimento, così come lo sfruttamento di energie rinnovabili e l’ottimizzazione dei consumi idrici (impianti a goccia, sensori sotterranei per l’umidità, vasche d’accumulo, depurazione). 

Enologo dell’azienda è Maurizio Maurizi. I vini prodotti da Feudo Arancio riflettono con chiarezza il territorio su cui vengono prodotti e quindi del mantenimento di bouquet caratterizzati dalle note primarie della campagna siciliana. Il portfolio si divide in due linee: una destinata al canale Gdo e l’altra all’Horeca. Nel primo caso, vengono proposte 4 etichette monovarietali (Nero d’Avola, Syrah, Grillo, Inzolia) e una selezione: il Tinchitè P’ttìa. Nel secondo, si tratta di 7 etichette monovarietali (Nero d’Avola, Syrah, Cabernet Sauvignon, Merlot, Grillo, Inzolia e Chardonnay) e 6 selezioni: Tinchitè, Tinchitè Rosè, Dalila, Cantodoro, Hekate, Hedonis.

A noi è piaciuto Accussì, lo spumante di casa Feudo Arancio. Le uve Grillo vengono vendemmiate verso la fine di agosto, al momento della massima espressione della freschezza aromatica e di notte per conservarne la fragrante acidità; sono sottoposte poi a successiva vinificazione in bianco con pigiatura e pressatura soffice per estrarre solo il mosto più profumato ed elegante. Dalla fermentazione a temperatura controllata di 18°C si ottiene il cosiddetto vino base che viene conservato sui propri lieviti fino al momento della spumantizzazione. Quindi dopo l’aggiunta di lieviti selezionati il vino base viene sottoposto a rifermentazione naturale in autoclave alla temperatura di 13-14°C per 8-10 giorni. Raggiunta la pressione e il residuo zuccherino desiderati, si raffredda rapidamente a-2/3 gradi per bloccare la fermentazione e per consentire la stabilizzazione tartarica. Si lascia successivamente maturare il vino spumantizzato per circa 2/3 mesi sui propri lieviti e infine filtrato e imbottigliato a bassa temperatura per mantenere e preservare al meglio le sue caratteristiche. Le uve con cui si ottiene questo vino vengono coltivate su suoli estremamente sabbiosi nei vigneti di Acate. Ne vengono prodotte circa 30 mila bottiglie. 

Il colore è giallo paglierino di media intensità con riflessi verdolini. Il perlage è abbastanza fine e persistente. Naso caratterizzato da profumi di frutta fresca come pesca bianca, pera e mela, arricchiti da note floreali. Al palato dà piacevolezza immediata grazie al buon equilibrio che si stabilisce tra l’acidità e la morbidezza dovuta al lieve residuo zuccherino. Ottima la bevibilità. Finale di discreta lunghezza caratterizzato da una nota dolce e da una punta sapida. Ottimo come aperitivo e con antipasti di mare e di terra dal gusto non troppo intenso. Adatto a momenti spensierati con amici in qualsiasi ora del giorno. Il prezzo oscilla tra i 10 e i 12 euro. 

Rubrica a cura di Salvo Giusino

Feudo Arancio
Contrada Portella Misilbesi
Sambuca di Sicilia (Ag)
0925 579000
www.feudoarancio.it

 

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Felice Sgarra

Casa Sgarra

Trani (Bt)

3) Melanzana con burrata d’andria e gelato al pomodoro

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search