Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Il vino della settimana
di Redazione

Satèn di Chardonnay.

Dopo la pausa Vinexposiana Bordolese, che speriamo qualcuno abbia notato, riprendiamo il nostro piacere settimanale e lo facciamo con un Franciacorta di Tenute La Montina, al plurale in quanto i 72 ha vitati gestiti ricadono in ben 7 comuni. Il cuore aziendale è in Monticelli Brusati (Bs) ai margini della boscosa Valle Mugnina dove oggi si trovano, oltre l’Azienda vinicola, la settecentesca Villa Baiana, il Museo di Arte Contemporanea in Franciacorta Remo Bianco, la Galleria d’arte e il Wine Shop.
 
Le prime notizie sulla tenuta risalgono addirittura al1620 quando era di proprietà di Benedetto Montini, avo del papa Paolo VI. Nel tempo, invece di progredire, la tenuta andò praticamente in rovina e alla fine degli anni ’80 finanche le suore, ultime abitanti, preferirono trasferirsi in Val Camonica.
 
Arriviamo così al 1982 quando i fratelli Bozza, Vittorio Gian Carlo ed Alberto, che avevano una lunga esperienza vitivinicola e che già fin da piccoli avevano respirato l’aria intrisa di vino in quanto il loro padre produceva vino rosso e la madre in paese gestiva un’osteria , acquistarono praticamente in stato di abbandono gli edifici  e i pochi ettari che li circondavano. Pian piano utilizzando la conoscenza di impiantare le viti e il sapere individuare i siti migliori per far crescere l’uva da millesimare, La Montina è diventata un riferimento nella DOCG Franciacorta ed oggi, oltre ad 80 mila bottiglie di vini fermi, ne produce 450.000 di spumanti da 12 ha di proprietà, da altri in affitto e da uve di conferitori. Sono 7 tipologie tra cui una Riserva, un Millesimato e due Rosé.

Il disciplinare di produzione dei Franciacorta prevede l’impiego di Chardonnay, Pinot Bianco e uve rosse di Pinot Nero e prescrive esclusivamente la raccolta manuale delle uve in cassette, impone la rifermentazione naturale in bottiglia e l’affinamento sui lieviti, non inferiore ai 18 mesi per le basi, 30 per i millesimati e ben 60 per le riserve. 
I Bozza dalla regione dello Champagne hanno introdotto la pressatura col Torchio Verticale Marmonier, costruito in Franciacorta grazie al supporto di valenti artigiani e che ancora oggi è uno dei rarissimi presenti in Italia e soltanto uno dei due disponibili in Franciacorta. Questa pressa meccanica ha un diametro di 3 m e altezza limitata a soli 120 cm per ridurre il tempo di deflusso del mosto e consentire una spremitura molto soffice, senza frantumazione delle bucce, con una resa in mosto fiore del 35%- 40%. La pressatura soffice permette all’acino d’uva di mantenere intatte tutte le qualità organolettiche che andrebbero in buona parte perse con una pressatura violenta.
Il Satèn è una tipologia esclusiva della DOCG Franciacorta caratterizzata dall’uso delle sole uve bianche, da una pressione in bottiglia inferiore a 5 bar, dal gusto vellutato e dalla spuma setosa.
 Degustiamo Argens, il cui nome deriva dall’etichetta argentata, che proviene dauve di solo Chardonnay coltivate nei migliori vigneti denominati Rubinia e Dossello, tra i più vecchi dell’azienda, che posizionati verso il Lago d’Iseo ne traggono tutti i benefici del suo microclima. Le fermentazioni in parte avvengono in barriques di leggera tostatura. Rifermenta in bottiglia per 24 mesi sotto la cura degli enologi Cesare Ferrari e Nicolas Secondé.

Nel calice è giallo paglierino leggermente carico, una bella spuma  e un perlage molto fine e di buona persistenza. Al naso una piacevole crosta di pane, fiori di campo, agrumi, molta mandorla tostata, una delicata vaniglia. Al palato la carbonatica è fine, elegante mentre il vino è secco e morbido al contempo, corposo, lungo con un retrogusto dove mantiene le note tostate. Un Franciacorta particolare.
 
Ottimo da aperitivo e da tutto pasto, l’abbiamo abbinato agli spaghetti con ricci di mare, salmone affumicato, soppressata calabra. Se ne fanno 92.000 bottiglie che in enoteca trovate a 21 euro.

Tenute La Montina
via Baiana 17
25040 Monticelli Brusati (Bs)
tel. 030 653278
www.lamontina.it





Recensioni
di Gianni Paternò

Rubrica a cura di  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

GLI APPUNTAMENTI

LE RICETTE DEGLI CHEF

Maurizio Albarello
Trattoria Antica Torre
Barbaresco (Cn)

Stefano Mazzone

Grand Hotel Quisisana

Capri (Na)

2) Tortelli di cipolle al burro di acciughe e pecorino

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search