Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi

Andrea Camaschella

Marina V. Carrera

Sofia Catalano

Roberto Chifari

Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco

Annalucia Galeone

Federica Genovese

Clarissa Iraci

Francesca Landolina

Federico Latteri

Irene Marcianò

Bianca Mazzinghi

Alessandra Meldolesi

Clara Minissale

Fiammetta Parodi

Geraldine Pedrotti

Stefania Petrotta

Michele Pizzillo

Fabiola Pulieri

Enzo Raneri

Mauro Ricci

Emanuele Scarci

Marco Sciarrini

Sara Spanò

Giorgia Tabbita

Fosca Tortorelli

Maristella Vita

Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Il vino della settimana il 30 Settembre 2017
di C.d.G.

di Federico Latteri

Il Salento è una terra di rara bellezza nella quale mare, sole e paesaggio riescono a creare un insieme unico che incanta i visitatori e, nello stesso tempo, rappresenta un ambiente ideale per numerose specie vegetali. 

Il clima è di tipo mediterraneo con scarse precipitazioni durante le stagioni fredde e notevoli escursioni termiche tra il giorno e la notte. Dal punto di vista geomorfologico l’andamento è prevalentemente pianeggiante con altitudini che non superano gli 80 metri sul livello del mare. La coltivazione della vite qui esiste da sempre, è una parte importante delle tradizioni e della storia del luogo. Agricole Vallone, storica azienda familiare fondata nel 1934, è una delle cantine più rappresentative di quest’area e dell’intera regione. I suoi vini, sempre ai vertici della produzione pugliese, hanno fatto conoscere a tutto il mondo le potenzialità e le peculiarità del terroir brindisino, ottenendo numerosi riconoscimenti sia al livello nazionale che internazionale.


(Tenuta Castelserranova)

Basti pensare al Graticciaia, grande rosso ottenuto da uve vinificate dopo appassimento su graticci, che per molti addetti ai lavori rappresenta la massima espressione del vitigno Negroamaro. La proprietà si estende complessivamente per 592 ettari, di cui 161 di vigneti e 100 di oliveti ed è divisa in tre parti: Tenuta Flaminio, in agro di Brindisi, in cui si trovano 91 ettari di vigneti e la cantina, Tenuta Iore, 30 ettari di vigne a San Pancrazio Salentino, dove sono presenti viti di 70 -80 anni di età e Tenuta Castelserranova nel territorio di Carovigno con 40 ettari di superficie vitata e una torre di difesa saracena del XIV secolo attorno alla quale tra il 'Seicento e l’Ottocento si è sviluppato un complesso di fabbricati rurali denominato Castello di Serranova che ancora oggi è la dimora dei proprietari.


(Uve sui graticci per l'appassimento)

Si coltivano diverse varietà: Negroamaro che qui è il vitigno di maggiore importanza, Primitivo, Ottavianello, Susumaniello, Montepulciano, Fiano, Malvasia Bianca e gli internazionali Chardonnay e Sauvignon. Di fondamentale importanza la collaborazione di Graziana Grassini, nome di spicco nel panorama dell’enologia italiana. La gamma delle etichette è ampia con rossi, bianchi e rosati sia con Denominazione di Origine Protetta (Salice Salentino, Brindisi e Ostuni) che con Indicazione Geografica Protetta. Vengono prodotte 450 mila bottiglie l’anno.


(Un vigneto di Tenuta Castelserranova)

Convincente e molto ben fatto il Castel Serranova 2013, un rosso che riesce a esprimere la solarità del Salento in modo sobrio ed elegante. E’ ottenuto da uve Negroamaro più un 30 % di Susumaniello provenienti da Vigna Castello, 22 ettari circondati da muretti in pietra a secco all’interno del Parco Agrario della Riserva Naturale di Torre Guaceto. Una parte del vino matura in tonneau di rovere per 12 mesi, l’altra parte affina in vasche di cemento. Dopo il blend è previsto un ulteriore periodo di permanenza in cemento.

Il colore è un bel rosso rubino di buona intensità. All’olfatto è fine con profumi di frutta matura, in particolare ciliegia, melagrana e prugna, accompagnati da una speziatura con il pepe nero in evidenza e da tenui cenni floreali. Segue un sorso caldo, equilibrato, dotato di ottima intensità gustativa e tannini ben smussati che accarezzano il palato. Lungo e speziato il finale. Presenta una notevole armonia che gli conferisce ottima bevibilità. A tavola è versatile, può essere abbinato ad arrosti di carne di vario tipo, agnello al forno, primi piatti consistenti come le tagliatelle al ragù e formaggi stagionati. Si trova in enoteca al prezzo di 18 euro.

Agricole Vallone
Via XXV Luglio, 7 - Lecce
Tel. +39  0832 308041
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.agricolevallone.it


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Felice Sgarra

Casa Sgarra

Trani (Bt)

3) Melanzana con burrata d’andria e gelato al pomodoro

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search